Zack Snyder svela ai fan i suoi piani per le due parti di Justice League, accennando alla morte di Lois Lane ed al viaggio nel tempo di Flash nel tentativo di prevenire l’arrivo di Darkseid sulla Terra.

A più di un anno dall’uscita di Justice League nelle sale cinematografiche, moltissimi fan continuano a sperare nella “Snyder Cut”, la versione originale prevista da Zack Snyder e fin troppo rimaneggiata dalla Warner Bros. dopo l’abbandono del regista.

Di teorie se ne sono fatte molte a riguardo, lo stesso regista nell’ultimo periodo ha rivelato molti dettagli sulla sua visione grazie al social network Vero ed i fan ancora non hanno perso le speranze.

Questo fine settimana Snyder ha organizzato un suo evento dove ha mostrato al pubblico le Director’s Cut dei suoi film ed ovviamente nel corso del Q&A l’attenzione si è focalizzata su Justice League. Alla domanda “Cosa diavolo è successo?” il regista ha infatti spiegato:

Bella domanda.

L’idea che avevamo io e Chris Terrio, che ho scritto ma che non abbiamo mai girato…era un’idea molto dura, forse spaventosa, che non abbiamo mai girato perché lo studio ha pensato “è folle”.

Snyder ha spiegato quindi che lui ed i suoi collaboratori erano insicuri dopo l’accoglienza a Batman v Superman, dato che la Warner ha iniziato ad interferire maggiormente con il progetto.

Successivamente il regista ha discusso delle idee per Justice League ed il suo sequel, rivelando numerosi dettagli inediti:

Questa è una lunga storia. La verità è che la mia idea è sempre stata quella di esplorare la sequenza Knightmare [l’incubo di Bruce Wayne in BvS]…questo ci avrebbe portato in un futuro distante dove la Terra era sotto il dominio di Darkseid, che avrebbe controllato Superman con l’equazione dell’anti-vita. C’erano soltanto alcuni membri della Justice League ancora in vita in quel mondo. Batman era a lavoro su qualcosa con Cyborg…su un’equazione per far tornare Flash indietro nel tempo ed avvisare Bruce…

Questo si ricollega alla sequenza vista brevemente in Batman v Superman in cui Flash avvisa Batman che “Lois è la chiave” – un argomento mai affrontato nella versione cinematografica di Justice League.

Snyder ha quindi aggiunto che la Warner Bros, era d’accordo sulla storia da lui proposta, ma “i dettagli sul motivo che avrebbe portato la Justice League a sciogliersi” li ha resi nervosi, spingendolo a cambiarli.

Successivamente il regista si è concentrato sulla sua scena dopo i titoli di coda di Justice League, che avrebbe stuzzicato sul sequel e sulla minaccia di Darkseid:

Il teaser che non è nel film è la scena in cui Bruce spiega a Wonder Woman “ero lì quando Barry Allen è venuto da me per dirmi ‘Lois è la chiave’. Diana spiega quindi “Lei lo è per Superman, ogni cuore ne ha una” e Bruce risponde “credo che ci sia qualcosa, qualcosa di molto più oscuro in arrivo”.

Infine, Snyder ha rivelato alcuni dei suoi piani per un sequel decisamente catastrofico, spiegando che Cyborg avrebbe aiutato Flash a viaggiare nel tempo nel tentativo di prevenire la morte di Lois Lane per mano di Darkseid, che avrebbe raggiunto la Batcaverna con un Boomdotto. Tutto ciò nella speranza di cambiare il corso degli eventi, dato che la morte di Lois avrebbe avuto un ruolo chiave nella sconfitta della Justice League, portando Superman a soccombere all’equazione dell’Anti-Vita.

Sfortunatamente il regista non ha aggiunto altri dettagli su questa intrigante visione e non ha risposto a domande sull’eventuale uscita della sua versione di Justice League.

Fonte