Lo sceneggiatore David Hayter torna a parlare del casting di Hugh Jackman per il ruolo di Wolverine, rivelando alcuni interessanti retroscena.

Nel corso di una recente intervista, David Hayter (lo sceneggiatore di X-Men e X-Men 2) ha discusso del casting di Hugh Jackman per il ruolo di Wolverine, rivelando alcuni retroscena.

In una prima fase, infatti, la Fox non era intenzionata ad ingaggiare l’attore, dato che i produttori non lo reputavano la scelta più adatta!

La major ha ingaggiato quindi Dougray Scott, ma il destino si è opposto:

Ho partecipato a tutto il processo di casting e Hugh non è stato scelto al primo provino. È stato grandioso, ma era il ragazzo più adorabile al mondo, era altissimo e davvero gentile, quindi non abbiamo pensato a lui come Wolverine. Tom Rothman, il presidente della Fox, era intenzionato ad ingaggiare Dougray Scott, che abbiamo scelto mentre stava girando Mission: Impossible 2, ma Tom Cruise continuava a chiamarci per dirci “ci serve ancora sul set!”.

Quando abbiamo iniziato a girare il nostro film sugli X-Men, non avevamo ancora mai visto Wolverine con il costume, quindi abbiamo inviato la nostra costumista Louise Mingenbach in Australia. Lì abbiamo scoperto che Scott aveva avuto un incidente in moto sul set di Mission: Impossible 2 ed aveva perso parecchio peso. Non avrebbe mai funzionato.

Da qui il piano B: ingaggiare proprio Hugh Jackman! 

Così la produttrice Lauren Shuler Donner ha detto “facciamo tornare Hugh Jackman” ed è volata da lui per fargli seguire delle lezioni da un coach e renderlo una sorta di vero duro alla Clint Eastwood. Quando è tornato, ha partecipato ad un altro provino… in quel momento ha guardato la camera e sembrava proprio Clint Eastwood. Quello è stato IL momento!

Ciò che colpisce della sua interpretazione è il cuore. Hugh è un ragazzo così adorabile e premuroso e questo è emerso anche nel personaggio. La vera forza di Hugh è venuta dall’umanità di Wolverine. Non restava che trovare il lato più malvagio e duro!

Fonte