L’head writer di WandaVision ha parlato delle difficoltà legate alle scene d’azione presenti nel finale di stagione della serie.

Lo scorso marzo ha debuttato su Disney+ l’ultimo episodio di WandaVision, la prima serie prodotta dai Marvel Studios incentrata su Wanda Maximoff/Scarlet Witch (Elizabeth Olsen) e Visione (Paul Bettany) che ha inaugurato la Fase 4 del Marvel Cinematic Universe. Lo show, a metà tra le sitcom che hanno fatto la storia della televisione americana e un film dell’MCU, ha scavato a fondo nel passato traumatico di Wanda in vista del ritorno del personaggio in Doctor Strange In The Multiverse of Madness di Sam Raimi.

Durante una recente intervista con l’Hollywood Reporter, l’head writer Jac Schaeffer ha parlato del suo approccio alla scrittura di WandaVision, spiegando che la parte più difficile è stata gestire le scene d’azione presenti nel finale di stagione dopo essersi concentrata principalmente sugli aspetti drammatici della storia di Wanda:

Il finale ha rappresentato sicuramente la parte più difficile. È sempre difficile creare e fissare una mitologia specifica. Cosa vuole davvero Agatha [Harkness] e come sarà il suo set di poteri? Cosa significa per Wanda? Come lo rendiamo interessante? Qual è la scacchiera dove tutte le parti in gioco danno a tutti una conclusione soddisfacente? È il classico terzo atto di un film Marvel. Li ho analizzati tutti, e sono molto divertenti… ma è sempre la parte più difficile da mettere in atto.

Alla domanda “La Marvel ti ha dato l’ordine di seguire dei parametri o ti è stato detto semplicemente di andare da un punto A a un punto B?“, la sceneggiatrice ha dichiarato:

“No, non proprio. Kevin Feige è incredibilmente coinvolto in questi progetti e, ovviamente, è un produttore magistrale. Tutto viene discusso. Le persone alla Marvel sono molto brave in quello che fanno. L’obiettivo era ‘Cerchiamo di capire cosa significhi essere la Scarlet Witch.’ È sempre stata concepita per essere un’esplorazione del dolore di Wanda. E quindi abbiamo pensato di farlo nel modo più elegante e commovente possibile. Per quanto riguarda l’aspetto delle sitcom ci siamo chiesti ‘Come lo facciamo e come facciamo in modo che non sia un casino?’. L’esecuzione è sempre spettata a me ma sì, c’erano degli obiettivi. Non lo chiamerei un mandato perché il processo è molto fluido. Mi piace lavorare con dei parametri come quelli e, secondo me, comporta la scrittura migliore.”

Ricordiamo che WandaVision, creata da Jac Schaeffer (Captain Marvel, Black Widow) e diretta da Matt Shakman, vede nel cast Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Paul Bettany (Visione), Kathryn Hahn (Agatha Harkness), Teyonah Parris (Monica Rambeau), Kat Dennings (Darcy Lewis), Randall Park (Jimmy Woo), Evan Peters (Pietro Maximoff/Quicksilver) e Josh Stamberg (Direttore Tyler Hayward).

WandaVision

SINOSSI
WandaVision, in arrivo su Disney+ il 15 gennaio 2021, è la prima serie Marvel Studios che continua a espandere l’Universo Cinematografico Marvel. Wanda Maximoff e Visione sono due individui dotati di super poteri che conducono vite di periferia idealizzate, ma iniziano a sospettare che ogni cosa non sia come sembra.

Fonte