Elizabeth Olsen spiega come è cambiato il suo grado di coinvolgimento per WandaVision rispetto ai primi film Marvel.

Il 4 maggio è uscito nelle sale Doctor Strange nel Multiverso della Follia, il sequel dedicato alle avventure dello Stregone Supremo interpretato da Benedict Cumberbatch prodotto dai Marvel Studios e diretto dal leggendario Sam Raimi, che vede il ritorno di Elizabeth Olsen nel ruolo di Wanda Maximoff/Scarlet Witch ed è strettamente collegato agli eventi narrati nelle serie televisive WandaVision e Loki.

Nel corso di un’intervista con Empire Online, Elizabeth Olsen ha parlato del suo percorso nell’Universo Cinematografico Marvel. Quando le è stato chiesto quanto sia stata coinvolta nello sviluppo di Wanda Maximoff dai vari registi che hanno gestito il suo personaggio negli anni tra cui Joss Whedon, i fratelli Anthony e Joe Russo, Matt Shakman e Sam Raimi, l’attrice ha dichiarato:

Ero coinvolta nel senso che mi chiedevano ‘Hai qualche idea di cosa vorresti fare dopo?’. Venivo coinvolta in questo modo nei primi film. Non proponevo molte cose però. Ero solo molto felice di essere lì, e di avere sempre qualcosa da interpretare. Non ho mai sentito di non avere un arco narrativo. Quindi sono grata di aver interpretato uno dei personaggi che ha sempre avuto questa opportunità o che ha fatto qualcosa che ha influenzato il film… sai, non succede sempre.

Con WandaVision, Jac [Schaeffer] voleva lavorare con me… Mi chiedeva sempre il mio parere, ma la verità è che lei sapeva già tutto. Aveva già capito tutto quello che era stato pianificato. Io e Paul [Bettany] abbiamo creato dei piccoli momenti tra i film dove immaginavamo cosa fosse successo nel mezzo o creavo nella mia testa una specie di backstory dell’infanzia di Wanda che l’ha portata ad essere quello che è. E Jac lo ha capito, lo ha visto. Non so come abbia fatto ad intuirlo. Ha inserito in WandaVision tutti questi piccoli momenti che avevamo immaginato. E poi ha inventato alcune cose importanti come il Darkhold e il fatto che Wanda sia in realtà questa figura mistica con un destino già stabilito per lei. È un viaggio totalmente nuovo per il personaggio, e sono grata che abbia interpretato tutti questi elementi del suo passato e abbia presentato un’opportunità fantastica per il futuro.”

Ricordiamo che Doctor Strange nel Multiverso della Follia, scritto da Michael Waldron (Rick & Morty, Loki) e diretto da Sam Raimi (Spider-Man), vede nel cast Benedict Cumberbatch (Stephen Strange/Doctor Strange), Elizabeth Olsen (Wanda Maximoff/Scarlet Witch), Chiwetel Ejiofor (Karl Mordo), Benedict Wong (Wong), Rachel McAdams (Christine Palmer), Xochitl Gomez (America Chavez) e Adam Hugill (Rintrah).

WandaVision Elizabeth Olsen

SINOSSI
Marvel Studios’ Doctor Strange nel Multiverso della Follia espande i confini del Multiverso ai massimi livelli. Un viaggio nell’ignoto con Doctor Strange che, con l’aiuto di mistici alleati sia vecchi che nuovi, attraversa pericolose e sconvolgenti realtà alternative del Multiverso per affrontare un nuovo, misterioso avversario.

Fonte