Dan Loeb, un azionista della Disney, invita la compagnia a rivalutare la loro distribuzione cinematografica facendo uscire Black Widow e altri film di primo livello direttamente in streaming.

A causa dell’emergenza Coronavirus, le major cinematografiche stanno rinviando di continuo le loro uscite e compagnie come la Disney hanno scelto di favorire lo streaming rispetto alla distribuzione tradizionale.

“L’esperimento” Mulan è stato redditizio per la Casa di Topolino ed in molti si chiedono se anche altri film – come quelli dell’Universo Cinematografico Marvel – potrebbero debuttare su Disney+ in questa modalità.

Ora l’investitore Dan Loeb, proprietario del fondo Thirt Point con circa 1 miliardo di dollari di partecipazioni nella Disney, ha spiegato a Variety che a suo aviso la compagnia dovrebbe far uscire “film ad alto profilo” come Black Widow direttamente in streaming, in modo tale da attirare nuovi iscritti e fornire al tempo stesso nuovi contenuti agli iscritti attuali, favorendo la loro permanenza:

Netflix ha un’immensa base di iscritti che permette loro di investire in un enorme numero di contenuti ammortizzando i costi ottenendo altri iscirtti. Disney non è ancora a quel livello, ma devono fare il prima possibile. Se non incrementeranno in modo critico la loro base di iscritti, lo svantaggio con Netflix sarà permanente. Non penso che apprezzino ancora il valore che possono raggiungere spostandosi ad un modello come quello di Microsoft o Amazon.

Al momento Disney+ ha già superato i 60 milioni di iscritti dal lancio (novembre 2019), un obiettivo che si erano prefissati di raggiungere in 5 anni. Come spiegato dal CEO Bob Chapek. le previsioni indicano 200 milioni di iscritti entro il 2025, contro i 193 milioni di iscritti attuali di Netflix.

Inizialmente previsto per il 1 maggio, Black Widow è stato posticipato in un primo momento al 6 novembre del 2020 e quindi al 7 maggio del 2021.

Fonte