Taika Waititi voleva che Thor: Love and Thunder assomigliasse alla cover di album metal degli anni ’80 a livello visivo e musicale.

Il 6 luglio è uscito al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato al Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film il Tonante chiede aiuto a Re Valchiria (Tessa Thompson), a Korg (Taika Waititi) e all’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman) – ora in grado di sollevare Mjolnir – per combattere la minaccia di Gorr il Macellatore di Dèi (Christian Bale), un killer galattico che brama l’estinzione degli dèi.

Nel corso di un’intervista promozionale con Rolling Stone, Taika Waititi ha parlato a ruota libera del suo lavoro su Thor: Love and Thunder. In particolare, il regista ha parlato del rapporto tra la colonna sonora non originale del cinecomic – composta da celebri brani rock come Sweet Child O’Mine e Welcome to the Jungle – le atmosfere da action anni ’80, spiegando che il suo obiettivo era far sembrare il cinecomic la cover di un album metal:

“Sì, certo. Potete vedere alcune influenze nel costume di Thor, sulla canotta. Ovviamente c’è un omaggio a Grosso guaio a China Town, a Jack Burton. Volevo solo che tutto assomigliasse all’assolo di una chitarra elettrica. L’arte e tutto il resto, sembra la cover di un album degli anni ’80. Persino il font del titolo… Volevo che tutto fosse come qualcosa che avrei disegnato sul mio libro di scuola in classe, quando stavo perfezionando il logo dei Metallica.”

Quando gli è stato chiesto se abbia avuto delle discussioni con i membri dei Guns N’Roses per il film, Waititi ha spiegato:

“Ad un certo punto, i supervisori musicali [del film] mi hanno detto ‘Dovresti parlare con Axl.’ Ma avevo molta paura. È una delle icone più grandi per me.”