Thor: Love and Thunder, Taika Waititi riflette sul peso delle aspettative dei fan verso il film: “Vorrei che Ragnarok non fosse così bello.”

Il 6 luglio è uscito al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato al Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film il Tonante chiede aiuto a Re Valchiria (Tessa Thompson), a Korg (Taika Waititi) e all’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman) – ora in grado di sollevare Mjolnir – per combattere la minaccia di Gorr il Macellatore di Dèi (Christian Bale), un killer galattico che brama l’estinzione degli dèi.

Nel corso di un’intervista promozionale con Rolling Stone, Taika Waititi ha parlato a ruota libera del suo lavoro su Thor: Love and Thunder. In particolare, il regista ha riflettuto sul peso delle aspettative da parte dei fan, ammettendo la difficoltà di realizzare un altro film sul personaggio dopo Thor: Ragnarok (2017) che potesse competere e superare il suo predecessore in termini di follia e divertimento:

Per certi versi, vorrei che Ragnarok non fosse così bello. Perché è dura fare il sequel di un film come quello. Prometti cose come ‘Oh, sarà più folle. Sarà più grande. Sarà roboante.’ Voglio dire, penso che lo sia. Abbiamo una nave vichinga trainata da due capre giganti. E due Thor e Russell Crowe. Cosa può esserci di più folle di una cosa simile quest’estate?”