Taika Waititi ha rotto il silenzio sul debutto di [SPOILER] nella prima scena dopo i titoli di coda di Thor: Love and Thunder.

Spoiler

Il 6 luglio è uscito al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato al Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film il Tonante chiede aiuto a Re Valchiria (Tessa Thompson), a Korg (Taika Waititi) e all’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman) – ora in grado di sollevare Mjolnir – per combattere la minaccia di Gorr il Macellatore di Dèi (Christian Bale), un killer galattico che brama l’estinzione degli dèi.

Nella prima scena dopo i titoli di coda di Thor: Love and Thunder scopriamo che Zeus (Russell Crowe) non è morto e vuole vendetta nei confronti del Dio del Tuono. Per farlo chiama a raccolta suo figlio, Ercole. Nei fumetti della Casa delle Idee, Ercole è stato creato da Stan Lee e Jack Kirby nel 1965 sulle pagine di Journey Into Mistery Annual #1. Negli anni il personaggio ha stretto una grande amicizia con Thor, ha combattuto contro Hulk e si è contrapposto ai Vendicatori. Nel film Ercole è interpretato da Brett Goldstein, interprete di Roy Kent nell’acclamata serie Ted Lasso di Apple TV+ (di cui è anche co-autore). Il suo esordio nell’MCU era stato anticipato molto tempo e probabilmente getta le basi per un eventuale quinto capitolo su Thor e per un possibile progetto stand-alone.

Thor: Love and Thunder

Nel corso di un’intervista con /Film, Taika Waititi ha rotto il silenzio sull’introduzione di Ercole nel Marvel Cinematic Universe e sul coinvolgimento di Brett Goldstein, svelando che la decisione di ingaggiare l’attore di Ted Lasso è stata del presidente dei Marvel Studios Kevin Feige:

Kevin [Feige] voleva davvero che lo facesse e, sì, Brett [Goldstein] è fantastico. È grandioso.”

In merito al futuro di Ercole nell’MCU, Waititi ha ammesso di non essere attualmente a conoscenza dei piani dei Marvel Studios per il personaggio, spiegando di non sapere se la scena post-credits si collegherà “ai futuri film di Thor o a qualcosa di totalmente diverso“:

“E non so se abbia a che fare con Thor o se abbia a che fare con le cose che svilupperanno. Perché, ovviamente, nei fumetti esiste anche un Ercole. E quindi sarà interessante da vedere perché Kevin, ovviamente, è la mente dietro a tutti questi fili e capire come si legheranno e come si incontreranno. Sono curioso di scoprirlo io stesso.”

Il regista ha concluso ricordando la reazione del pubblico all’apparizione di Ercole nella prima post-credits:

È stato un momento davvero bello nel cinema in cui è stato proiettato, le persone sono andate fuori di testa. Erano davvero emozionate.”