Natalie Portman ha ammesso che non avrebbe “mai” immaginato che Jane sarebbe diventata la Potente Thor in Thor: Love and Thunder.

Il 6 luglio uscirà al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato alle avventure del Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film, oltre al ritorno di Natalie Portman come Jane Foster (che sarà in grado di sollevare il Mjolnir), rivedremo Jaimie Alexander nel ruolo di Lady Sif (dopo l’assenza in Thor: Ragnarok) e Chris Pratt nei panni di Peter Quill/Star-Lord, insieme agli altri membri dei Guardiani della Galassia.

Nel corso di un’intervista con Brandon Davis di ComicBook.com, Natalie Portman ha parlato del suo ritorno nei panni di Jane Foster in Thor: Love and Thunder, ammettendo che non avrebbe mai immaginato che il personaggio avrebbe assunto l’identità della Potente Thor come nei fumetti della Casa delle Idee dopo il suo ruolo nei primi due film:

“È sicuramente incredibile avere questi fumetti in cui Jane diventa la Potente Thor. Taika [Waititi] me li ha dati la prima volta che ci siamo incontrati [nel 2019] presentandomeli come il nucleo di quello che avremmo potuto fare.”

[Non lo avrei] mai [immaginato]. Ero davvero entusiasta all’idea di interpretare un’astrofisica in un film di questa portata. Pensai che fosse un’ottima occasione per rappresentarla. E poi, il fumetto che introdusse questa idea di Jane che diventa la Potente Thor è stato pubblicato soltanto nel 2014. Quindi, è successo diversi anni dopo aver iniziato a far parte del film. È in quel momento che è arrivata quell’idea.”

L’attrice ha aggiunto che ai tempi delle riprese di Avengers: Endgame (2019) i Marvel Studios non avevano ancora pianificato la sua trasformazione nella supereroina:

Le conversazioni non erano ancora iniziate ai tempi. È stato davvero divertente essere inclusi nel film, il fatto che tutti quelli presenti in quell’universo siano nella stessa storia è incredibile. Quindi mi sono sentita davvero fortunata a farne parte.”