Thor: Love and Thunder, la co-sceneggiatrice sul trasporre il cancro di Jane Foster nel film di Taika Waititi: “Era una responsabilità.”

Il 6 luglio è uscito al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato al Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film il Tonante chiede aiuto a Re Valchiria (Tessa Thompson), a Korg (Taika Waititi) e all’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman) – ora in grado di sollevare Mjolnir – per combattere la minaccia di Gorr il Macellatore di Dèi (Christian Bale), un killer galattico che brama l’estinzione degli dèi.

Nel corso di un’intervista con Variety, Jennifer Kaytin Robinson, co-sceneggiatrice di Thor: Love and Thunder, ha discusso del suo approccio al cancro di Jane Foster nel film. La sceneggiatrice ha spiegato che i Marvel Studios sentivano di avere una grossa “responsabilità” nel trasporre questo specifico elemento della storia del personaggio, sottolineando che il team creativo ha cercato di rappresentare un aspetto così importante per molte persone nel migliore dei modi:

“[La storia del cancro] è sempre stata lì. Ovviamente, quell’elemento è presente nei fumetti ed era nella prima stesura di Taika [Waititi]. E poi ci siamo chiesti, sai, ‘Cosa significa?’. Abbiamo avuto un sacco di conversazioni, specialmente con Natalie [Portman] perché sentivamo di avere una responsabilità da quel punto di vista. È una cosa fantastica essere in grado di mostrare una supereroina con il cancro e farlo senza esitare di mostrarne le parti peggiori e le cose più difficili da affrontare ma dando al personaggio la possibilità di brillare. Un sacco di conversazioni che abbiamo avuto vertevano attorno al ‘Come rendiamo giustizia a questo aspetto e come possiamo mettere sullo schermo qualcosa che avrà risonanza e un significato sui sopravvissuti al cancro?’