Thor: Love and Thunder – James Gunn ha svelato che il Dio del Tuono non sarebbe mai apparso in Guardiani della Galassia Vol.3.

Il 6 luglio è uscito al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato al Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film il Tonante chiede aiuto a Re Valchiria (Tessa Thompson), a Korg (Taika Waititi) e all’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman) – ora in grado di sollevare Mjolnir – per combattere la minaccia di Gorr il Macellatore di Dèi (Christian Bale), un killer galattico che brama l’estinzione degli dèi.

Durante il podcast My Mom’s Basement with Robbie Fox, un utente ha condiviso la sua frustrazione in merito al fatto che il temporaneo licenziamento di James Gunn – regista dei due film sui Guardiani della Galassia – da parte della Disney nel luglio 2018 ha impedito a suo avviso al filmmaker di esplorare ulteriormente le avventure del Dio del Tuono con il team in Guardiani della Galassia Vol.3 successive agli eventi di Avengers: Endgame (2019).

In risposta alla clip (condivisa da @bss_clips), tuttavia, Gunn ha spiegato su Twitter: “Apprezzo l’amore ma Thor non sarebbe mai stato nel Vol.3.” In questo modo il regista ha suggerito che, al contrario di quanto ritenuto da molti fan del Marvel Cinematic Universe, la presenza del personaggio di Chris Hemsworth non è mai stata prevista in Guardiani della Galassia Vol.3.

In precedenza, il regista aveva rivelato di non aver avuto molta voce in capitolo dal punto di vista creativo in Thor: Love and Thunderpur essendo stato consultato per le scene con i Guardiani della Galassia – e di aver discusso con Taika Waititi prima di sviluppare la sceneggiatura.