Thor: Love and Thunder, ecco chi è il misterioso personaggio apparso nel finale del film diretto da Taika Waititi.

Il 6 luglio è uscito al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato alle avventure del Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film, oltre alla presenza di Natalie Portman come Jane Foster (che sarà in grado di sollevare il Mjolnir), tornano Jaimie Alexander nel ruolo di Lady Sif (dopo la sua misteriosa assenza in Thor: Ragnarok) e Chris Pratt nei panni di Peter Quill/Star-Lord, insieme agli altri Guardiani della Galassia.

Il finale del film include un misterioso personaggio, di cui vi riportiamo la spiegazione di seguito.

L’obiettivo di Gorr (Christian Bale) è quello di risvegliare Eternità per chiedere l’estinzione di tutti gli Dèi, salvo poi cambiare idea nel finale del film. Ma chi è questo personaggio?

Nell’universo Marvel oltre al Supremo (paragonabile a Dio), esistono quindi Entità Cosmiche nate con la creazione dell’universo, ovvero personaggi che hanno poteri illimitati di scala universale e multiversale e che spesso svolgono una funzione naturale nell’universo. Ad esempio il Tribunale Vivente (menzionato più volte nell’MCU) è stato incaricato dallo stesso Supremo di controllare e mantenere l’equilibro tra le diverse realtà che costituiscono il multiverso, mentre Morte è l’incarnazione della fine di ogni vita. Tra le entità troviamo anche Infinità, Morte, Galactus, Oblio ed Eternità.

Nei fumetti Marvel, quest’ultima rappresenta una delle Entità cosmiche più potenti, in quanto è onnipotente, onnisciente ed invulnerabile. Nello specifico, rappresenta lo scorrere del tempo dell’intero Multiverso Marvel, in contrapposizione con la Morte, che invece rappresenta la fine di ogni vita.

Eternità viene spesso associato ad un’altra entità cosmica, ovvero Infinità: la prima rappresenta lo scorrere del tempo, mentre la seconda rappresenta lo spazio.

Come Morte ha il potere di reclamare un’anima, Eternità ha il potere di far tornare in vita le persone defunte. Non a caso, nei fumetti viene descritto come la somma totale di tutto ciò che vive e di ciò che è esistito all’interno dell’universo.