Thor: Love and Thunder non è stato proiettato nel Kuwait per le tematiche apertamente omosessuali, arriva la conferma.

Il 6 luglio è uscito al cinema Thor: Love and Thunder, il quarto capitolo dedicato alle avventure del Dio del Tuono interpretato da Chris Hemsworth. Nel film, il Tonante chiede aiuto a Re Valchiria (Tessa Thompson), a Korg (Taika Waititi) e all’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman) – ora in grado di sollevare il Mjolnir – per combattere la minaccia di Gorr il Macellatore di Dèi (Christian Bale), un killer galattico che brama l’estinzione degli Dèi.

Non è la prima volta che si sente parlare di film Marvel vietati in determinati paesi Medio Orientali: un caso è stato quello di Eternals, oppure quello più recente di Doctor Strange: Nel Multiverso della Follia.
Ora anche il quarto capitolo sul Dio del Tuono ha subito un destino simile col mercato del Kuwait, il quale ha proibiti l’uscita del film nelle sale per via delle tematiche e i toni apertamente omosessuali e di supporto alla comunità LGBTIQ+.
A mettere al centro la problematica è stato un post sulla pagina Instagram della testata araba Al Qabas. Essendo totalmente in arabo, vi consigliamo di utilizzare il tasto “traduci” presente sotto il testo del post:
https://www.instagram.com/p/Cgcnn96LZhc/