The Marvels

The Marvels a rischio flop, ha incassato meno di The Flash e tre volte meno di Captain Marvel nel suo debutto USA!

Dopo aver esordito mercoledì in Italia, venerdì’ The Marvels (qui la nostra recensione) ha fatto il suo debutto nelle sale cinematografiche americane, dove sin da subito non ha riscontrato grandi risultati economici.

A seguito del suo primo weekend di programmazione, il film ha incassato 47 milioni di dollari in America, segnando un nuovo traguardo in negativo: si tratta infatti del peggior debutto per un film dell’Universo Cinematografico Marvel al box office, con 8 milioni in meno rispetto a L’Incredibile Hulk (che nel 2008 ha debuttato con 55 milioni).

Entrando nel dettaglio, nel suo debutto negli Stati Uniti il film ha incassato 8 milioni in meno rispetto a L’Incredibile Hulk (55.4M). Inoltre, si tratta di uno dei rari casi in cui un sequel non raggiunge neanche un terzo degli incassi del suo precedessore, in quanto ha incassato 3.2 volte meno di Captain Marvel al debutto (153.4M).

Andando avanti con i dati, si tratta del terzo peggior debutto per un film tratto dai fumetti del 2023, avendo incassato meno del flop The Flash (55M) e circa 20 milioni in più di Blue Beetle e Shazam: Furia degli Dei.

Al momento, il film ha una sola speranza: l’inizio della stagione natalizia al cinema, l’unica possibilità per poter raggiungere almeno i 100 milioni in America. Eternals, ad esempio, ha raddoppiato i numeri raggiunti nel primo weekend nelle successive settimane proprio grazie al “boost” ottenuto nella stagione natalizia, che in America inizia già a novembre.

Per quanto riguarda gli incassi nel mondo, The Marvels ha raggiunto 110 milioni.

The Marvels

I Marvel Studios (che secondo alcune fonti temevano già un flop) hanno deciso di “schierare” Brie Larson, Iman Vellani e Teyonah Parris in prima linea per promuovere il film, nella speranza di provare a ribaltare le sorti della pellicola al box office. Nonostante ciò, tra un punteggio Cinemascore basso (l’indice di gradimento del pubblico generalista) e delle recensioni non proprio positive, il rischio è che la Disney decida di metterlo in streaming quanto prima per provare a recuperare i costi.