The Flash

The Flash: ecco la descrizione dei due finali originali con Supergirl, Batman di Keaton e Superman di Cavill!

Ecco la descrizione completa dei due finali originali di The Flash girati prima dell’arrivo di James Gunn!

Dopo ormai diversi anni, il 15 giugno ha fatto il suo debutto al cinema The Flash (qui la nostra recensione), diretto da Andy Muschietti, con protagonista Ezra Miller nei panni di Barry Allen/Flash, accompagnato da Michael Keaton di ritorno nei panni di Bruce Wayne/BatmanSasha Calle nei panni di Kara Zor-El/Supergirl

Nel corso di un lungo approfondimento, THR ha svelato che il finale del film con George Clooney rappresenta la terza conclusione girata da Warner Bros. e DC.

The Flash è nato infatti sotto la direzione di Walter Hamada, ex presidente di DC Films. Sotto la sua gestione, Hamada voleva utilizzare il film per fare un grande reset dell’intero universo cinematografico DC, allontanandosi da tutto ciò che aveva creato un decennio prima Zack Snyder con Man of Steel.

Hamada aveva già in mente un sequel di The Flash, per poi culminare nel crossover Crisi sulle Terre Infinite.

Il primo finale del film, completamente girato durante le riprese principali, avrebbe incluso Supergirl di Sasha Calle e Batman di Michael Keaton fuori dall’aula del tribunale dopo il processo del padre di Barry. Quest’ultimo non avrebbe resettato per l’ennesima volta la linea temporale, ma sarebbe riuscito a trovare il modo di riportare in vita sia Supergirl che Batman, creando una nuova timeline del DC Extended Universe.

Questo finale è stato mostrato più volte ai vari test screening ed ha convinto appieno il pubblico. Ecco alcune foto dal set:

Successivamente c’è stata l’unione tra Warner Bros. e Discovery, a seguito della quale Walter Hamada è stato licenziato ed il CEO David Zaslav ha iniziato la ricerca di un nuovo dirigente per gestire DC, incaricando Michael De Luca e Pamela Abdy, i due presidenti di Warner Bros. Pictures, di supervisionare momentaneamente la compagnia.

Anche se avevano un ruolo da “traghettatori”, i due dirigenti hanno autorizzato il ritorno di Henry Cavill come Superman spinti dalle pressioni di Dwayne Johnson (una scelta controversa, in quanto non hanno atteso l’arrivo di un nuovo presidente di DC).

Inoltre, i due hanno deciso di aggiornare il finale di The Flash, girando a settembre 2022 una scena con Bruce Wayne di Michael Keaton, Supergirl di Sasha Calle insieme a Henry Cavill come Superman e Wonder Woman di Gal Gadot fuori dal tribunale dove si è tenuto il processo del padre di Barry Allen.

I produttori avevano cancellato il film di Supergirl, ma volevano fortemente farla tornare per non lasciare il pubblico con il ricordo della sua morte continua per mano di Zod. Al tempo stesso, lo studio aveva messo in cantiere il terzo film di Wonder WomanMan of Steel 2 e lo scontro tra Black Adam e Superman.

I piani erano ben consolidati… ma c’è stato un colpo di scena che ha stravolto tutto!

A novembre, David Zaslav ha annunciato di aver scelto James Gunn e Peter Safran per gestire l’intera DC… e i due avevano dei piani totalmente diversi da quello che immaginavano i dirigenti di Warner Bros. Pictures, motivo per cui hanno scartato tutto, mettendo anche mani sul finale di The Flash!

Sapendo che avrebbero dovuto fare un reboot della DC, Gunn e Safran hanno pensato che la presenza di Henry Cavill e di Gal Gadot avrebbe rischiato di compromettere i loro piani e di confondere il pubblico, decidendo di cancellarla.

Non a caso, le loro prime due azioni come presidenti di DC sono state quelle di cancellare il sequel di Man of Steel e Wonder Woman 3.

Di conseguenza, a gennaio di quest’anno, è stato girato il finale del film con George Clooney come Batman, che inevitabilmente ha confuso molti spettatori.

I due registi volevano infatti preservare l’idea del “Barry è convinto di aver risolto tutto, ma in realtà si accorge di un altro cambiamento”. Qui, scherzando, si sono chiesti “quanti Batman possiamo avere?” ed è stato fatto il nome di George Clooney, che ha girato le sue scene insieme ad Ezra Miller dopo aver visto alcune scene del film.