The Flash continua ad essere, nel bene e nel male, uno dei progetti più discussi nell’ambito dei cinecomic: il film diretto da Andy Muschietti, con protagonista Ezra Miller di ritorno nel ruolo di Barry Allen, il quale si troverà a collaborare con ben due diversi Batman nel corso della pellicola (interpretati da Michael Keaton Ben Affleck) e persino con Supergirl (interpretata da Sasha Calle), ha generato attesa per la sua sorprendente trama, ma è stato anche parte delle spiacevoli discussioni legate al comportamento della sua star.

L’uscita del film è stata recentemente anticipata al 16 Giugno 2023 e, in attesa di un nuovo trailer ufficiale (che arriverà a inizio febbraio durante il Super Bowl) ora è trapelato un interessante dettaglio relativo al futuro del film!

Come ben saprete, Ezra Miller ha  chiesto pubblicamente scusa per i suoi atteggiamenti, spiegando che soffre di problemi di salute mentale complessi, per i quali sta già ricevendo aiuto. A fronte di questa sua ammissione pubblica, potrebbe continuare ad interpretare il personaggio?

Secondo un nuovo report di Variety, alcuni dirigenti di Warner Bros. sono infatti favorevoli all’idea di non licenziare Ezra Miller per il ruolo di Flash e di continuare con il suo personaggio senza procedere con un recasting.

Il motivo di questa decisione? Le scuse pubbliche, l’ammissione delle sue colpe ed il conseguente inizio della terapia. In questi ultimi mesi la star non ha ricevuto altre accuse ed è sempre rimasto lontano dai riflettori, un fattore che i dirigenti sembrano aver apprezzato.

Lo scorso anno, Miller ha partecipato ad una riunione con i presidenti di Warner Bros. Michael De Luca e Pamela Abdy, definita come “un incontro davvero molto positivo“, con la star di Flash che ha ribadito tutto il suo impegno verso la pellicola.

Naturalmente la decisione finale spetta a James Gunn, che potrebbe anche optare per un reboot completo del personaggio.

Fonte