Possibili novità su un arco narrativo di The Falcon and The Winter Soldier che la Disney potrebbe eliminare dalla prima stagione.

The Falcon and The Winter Soldier è la prima serie TV dei Marvel Studios che arriverà sulla piattaforma digitale Disney+ questo agosto. Oltre alla presenza Anthony Mackie (Falcon), Sebastian Stan (Bucky), Emily VanCamp (Sharon Carter) e Wyatt Russell (U.S. Agent) nel cast troveremo anche Daniel Brühl come Zemo (qui le prime foto), che farà il suo ritorno nell’Universo Cinematografico Marvel dopo Captain America: Civil War.

Secondo un nuovo rumor riportato dall’insider Charles Murphy, le riprese della serie potrebbero essere prolungate dopo una parziale riscrittura della sceneggiatura a causa del Coronavirus.

Secondo l’insider, la serie avrebbe infatti incluso una minaccia virale per terrorizzare la popolazione americana, presumibilmente la Bomba di Follia (la Madbomb, già vista in alcune storie di Captain America) o un’arma batteriologica simile.

Temendo l’evoluzione dell’epidemia di Coronavirus nel mondo reale nei prossimi mesi – e temendo che possa essere dichiarata una pandemia dopo essersi diffusa su larga scala – la produzione ha deciso di eliminare completamente questo arco narrativo, riscrivendo e girando nuovamente alcune scene ed allungando così il periodo della produzione. Questo fortunatamente non influirà sulla data d’uscita, che rimane invariata ed è ancora fissata per agosto.

Disney teme infatti un potenziale disastro mediatico ed ha paura di affrontare la situazione sbagliata al momento sbagliato, quindi sembra aver deciso di modificare parti della serie e di rimuovere i riferimenti alla minaccia virale, presenti principalmente sui primi due episodi.

Naturalmente non ci sono conferme effettive in merito e vi invitiamo a prendere le dovute cautele, ma un chiaro indizio su questo passaggio della trama potrebbe fornirlo il nome della compagnia di produzione fittizia lanciata da Disney per la lavorazione della serie: Pandemic Productions LLC.

Come sempre, vi terremo aggiornati (anche se aspettarsi una comunicazione ufficiale dalla Disney a riguardo sembra impossibile).

Fonte