A sorpresa, Warner Bros. ha annunciato di aver cancellato Swamp Thing, che non tornerà per la seconda stagione. James Wan, il produttore della serie, non è a conoscenza dei motivi dietro questa cancellazione.

Il 31 maggio in America ha fatto il suo esordio sulla piattaforma streaming DC Universe la quarta produzione originale dopo Titans, Young Justice 3 e Doom Patrol: una serie dedicata a Swamp Thing vietata ai minori e e ispirata alle storie di Alan Moore.

I fan hanno apprezzato il primo episodio, la critica ha accolto in maniera del tutto positiva la serie, che ha raggiunto il 92% di recensioni positive…ma questo non è bastato per la Warner Bros, che ha deciso di cancellarla comunque.

Principalmente non si tratta di una decisione di natura creativa, ma stando a quanto trapelato online, i dirigenti della Warner non hanno apprezzato la direzione dello show, ma sembra che non ci siano stati problemi di budget o di performance (chi ha visto la serie, ha lodato le varie interpretazioni).

Lo stesso produttore James Wan su Instagram ha spiegato di non essere a conoscenza dei veri motivi dietro la cancellazione della serie, invitando però i fan a dargli una possibilità e di godersi i 10 episodi della prima ed unica stagione:

Non so e non capisco davvero perché Swamp Thing è stata cancellata. Ma posso dirvi questo – cast e crew, team di produzione e scrittori hanno messo il cuore in questa serie. Sono davvero soddisfatto dal lavoro di tutti. Guardate il secondo episodio e rendere immortali questi 10 episodi. Swampy lo merita.

 

Fortunatamente tutto ciò non influirà sul futuro di DC Universe: la piattaforma continuerà a realizzare nuove serie e stagioni, come confermato ieri in un comunicato ufficiale in risposta alla cancellazione di Swamp Thing.