Come ben saprete, negli ultimi giorni si sono susseguiti una serie di notizie sul futuro di Superman e dell’universo DC a dir poco preoccupanti, alcune delle quali sono state smentite dallo stesso James Gunn, che ha affermato che vede l’Uomo d’Acciaio come una grande priorità:

Sì, naturalmente. Superman è una grande priorità, se non la più grande tra tutte.

Proprio per questo, abbiamo deciso di fare un riepilogo di tutto ciò che è successo in questi (folli) giorni, dove le grandi trades di Hollywood (i siti più importanti del settore) hanno riportato una serie di aggiornamenti a dir poco contrastanti, che hanno gettato nel panico i fan della DC.

Tutto è nato dal report di The Hollywood Reporter che, nell’annunciare la cancellazione di Wonder Woman 3, ha avuto modo di accennare ad un potenziale reboot (poi smentito) dell’universo DC. Parlando di Superman, il sito ha spiegato che DC potrebbe tagliare il suo cameo in The Flash (girato a settembre dopo che Cavill ha firmato il nuovo accordo), in quanto lo studio non vuole fare delle promesse che non può mantenere.

È vero, Henry Cavill ha confermato il suo ritorno su Instagram dopo Black Adam conquistando i fan e promettendo un grande futuro, ma lo ha fatto prima dell’arrivo di James Gunn e Peter Safran, che ora sono alla guida di DC e stanno valutando il futuro di ogni brand, tra cui anche Man of Steel 2.

Lo scorso giovedì sera, nella confusione più totale, il reporter Borys Kit ha utilizzato un termine che ha fatto preoccupare molti fan: Man of Steel 2 è morto? 

Fortunatamente, il giorno successivo Deadline – un’altra grande fonte di Hollywood – ha pubblicato un aggiornamento riguardante lo status della DC, escludendo completamente l’ipotesi del reboot più totale e spiegando ciò che sta succedendo con Man of Steel 2.

No, il film non è morto, ma lo sviluppo è stato momentaneamente messo in pausa.

Essenzialmente, il sito spiega che Warner Bros. e DC Studios stanno aspettando una proposta convincente per poter dare il via libera allo sviluppo. I dirigenti di Warner Bros. Pictures hanno deciso infatti di attendere l’arrivo di James Gunn e Peter Safran (insediati come presidenti DC Studios a inizio novembre) prima di riprendere le discussioni per lo sviluppo della pellicola, che non ha ancora né un regista, né uno sceneggiatore.

Entrando nel dettaglio, Steven Knight – il creatore di Peaky Blinders, di See e lo sceneggiatore di film come Spencer e La promessa dell’assassinoha scritto una prima bozza del film, che ha proposto a Warner Bros. in autunno. I dirigenti non sono rimasti impressionati dalla versione proposta da Knight ed hanno inviato alcune modifiche allo sceneggiatore. Considerando la fitta tabella di marcia di Steven Knight, si è parlato anche delle possibilità di ingaggiare un altro sceneggiatore per non dilungare troppo i tempi dello sviluppo, ma alla fine sono subentrati James Gunn e Peter Safran alla guida di DC ed il progetto è stato messo in pausa.

Al tempo stesso, Andy Muschietti (The Flash), ha manifestato il suo interesse per dirigere questa pellicola e riportare il personaggio a delle tonalità più eroiche, speranzose e colorate, sullo stile dell’iconico film su Superman di Richard Donner (ad oggi ancora un caposaldo delle pellicole tratte dai fumetti).

Come avrete intuito, il film non è stato cancellato, ma Warner Bros. e DC hanno deciso di mettere momentaneamente in pausa la lavorazione in attesa delle direttive di James Gunn, che sta plasmando il futuro della DC e che consegnerà in settimana la sua tabella di marcia ai dirigenti.

Come svelato da Gunn stesso, Superman rimane comunque una priorità, motivo per cui presumibilmente le discussioni per questo capitolo riprenderanno presto.

Il regista e presidente di DC Studios non ha ancora specificato se vedremo il Superman di Henry Cavill o meno (anche se ha ammesso di averlo apprezzato), ma considerando che l’ipotesi del reboot è stata prontamente smentita, ad oggi il recasti sembra altamente improbabile.