David Ayer torna a parlare della sua versione di Suicide Squad, accusando Warner Bros. di aver completamente stravolto il suo lavoro.

Cinque anni fa Suicide Squad uscì al cinema, ma nonostante l’ottimo risultato al box office non riscosse il successo sperato per quanto riguarda l’accoglienza del pubblico. Come alcuni di voi sapranno – e come si è notato dalla differenza tra primo e secondo trailer –  durante le riprese aggiuntive la Warner Bros. ha cambiato completamente le tonalità del film di David Ayer andando a snaturare parte della sua visione e modificando diversi elementi.

Proprio per questo, i fan hanno lanciato l’hashtag #ReleaseTheAyerCut, un tentativo di replicare l’incredibile successo del movimento #ReleaseTheSnyder Cut per Justice League con una serie di campagne online….che sfortunatamente ad oggi non hanno riscosso il successo desiderato, in quanto il CEO di Warner Media ha spiegato che questa versione non uscirà.

Con un comunicato su Twitter, il regista David Ayer è tornato a parlare del film, accusando Warner Bros. di aver di fatto distrutto il suo intero lavoro.

Il regista inoltre ha spiegato che l’intero montaggio era stato realizzato da Lee Smith, noto collaboratore di Christopher Nolan che ha montato gran parte dei suoi film, ottenendo 3 candidature agli Oscar (Master & Commander, Il Cavaliere Oscuro) e vincendo un premio grazie a Dunkirk. La colonna sonora della sua versione invece era stata realizzata da Steven Prince, premio Oscar per Gravity.

Tutto è iniziato quando Ayer ha deciso di raccontare su Twitter il suo passato traumatico, tra la morte del padre e la totale assenza di equilibrio, con arresti, crimini ed una vita al limite. Dopo essersi arruolato nella marina americana per cambiare vita, il regista si è ritrovato senza un lavoro e senza più futuro. Sentiva di aver perso ogni speranza… fin quando non ha scritto Training Day mettendo ogni sua singola esperienza nella sceneggiatura:

Ci ho messo anni per realizzare quel film ed ha cambiato la mia vita. Ho messo il mio dolore in ogni pagina. Questo è il motivo per cui racconto storie. Ho visto i cattivi fare delle belle cose e le brave persone fare qualcosa di orribile. Ho scritto della mia vita vissuta. Ho rischiato tutto.

Il regista si è quindi soffermato sulla parentesi Suicide Squad, spiegando:

Ho messo tutta la mia vita in Suicide Squad. Ho realizzato qualcosa di straordinario. Il mio montaggio è un viaggio intricato ed emozionante di alcune persone davvero cattive che vengono scartate da tutti. La versione dello studio non è la mia versione.  Leggetelo ancora. Il mio montaggio non è la director’s cut, è un montaggio maturo di Lee Smith che si basa sull’incredibile lavoro di John Gilroy [due storici montatori]. Ha una colonna sonora brillante di Steven Prince [Compositore premio Oscar] senza una sola canzone radiofonica. Il mio montaggio ha degli archi narrativi tradizionali, con delle performance grandiose ed un terzo atto solido. Alcune persone lo hanno visto.

Ayer ha quindi concluso spiegando di essere davvero orgoglioso di James Gunn, che ha realizzato il prossimo The Suicide Squad:

Supporto Warner Bros. e sono felice che questo franchise abbia ottenuto ciò di cui necessitava. Il brillante lavoro di James sarà il miracolo dei miracoli. Non parlerò più pubblicamente di tutto ciò.

Come alcuni di voi ricorderanno, prima dell’uscita del film la Warner Bros. realizzò diversi montaggi del film, affidandoli di volta in volta a diversi montatori, con John Gilroy che venne poi accreditato per la versione cinematografica. Ai tempi, la stessa major dichiarò “abbiamo sperimentato molto, con tante collaborazioni lungo lo sviluppo”.  Al tempo stesso però, assicurarono quanto segue:

“Siamo davvero orgogliosi del risultato… questo è il film di David Ayer.”

In sintesi, è esattamente ciò che è stato fatto con Justice League: poco prima dell’uscita del film, i produttori dichiararono infatti che Whedon aveva girato soltanto poche scene, ma la pellicola sarebbe rimasta al 100% di Zack Snyder… ma il risultato finale è stato catastrofico.

Fonte