Secondo una fonte solitamente affidabile, Sam Raimi e Marc Webb hanno supervisionato alcuni elementi narrativi di Spider-Man: No Way Home.

Manca poco meno di un mese all’uscita di Spider-Man: No Way Home, l’attesissimo cinecomic prodotto da Marvel Studios e Sony Pictures in uscita il 15 dicembre, che porterà avanti la trama dello Spider-Man di Tom Holland nell’MCU. Le indiscrezioni emerse in questi mesi hanno spinto molti fan a credere che il Multiverso rappresenterà una parte fondamentale della pellicola di Jon Watts e che Tobey Maguire ed Andrew Garfield torneranno ad interpretare le loro iterazioni del Tessiragnatele… ed il trailer uscito pochi giorni fa ha confermato buona parte dei rumor!

Oggi il sito TheCosmicCircus (fonte solitamente affidabile, avendo anticipato con successo il casting di Will Poulter come Adam Warlock) ha pubblicato un lungo approfondimento dedicato al film, spiegando che esplorerà gli universi delle due precedenti saghe cinematografiche di Spider-Man dirette rispettivamente da Sam Raimi e Marc Webb.

Ovviamente si tratta di una responsabilità a dir poco enorme per Jon Watts, in quanto inevitabilmente sta “giocando” con i cuori di moltissimi fan cresciuti con le due precedenti versioni dell’Uomo Ragno. A riguardo, il sito ha spiegato che i Marvel Studios e la Sony hanno consultato Sam Raimi e Marc Webb (i registi delle due precedenti trilogie), cercando di dare così seguito alla loro visione e tranquillizzare i fan delle due saghe che temevano che i Marvel Studios avessero potuto stravolgere gli avvenimenti delle stesse.

Di conseguenza, sembra proprio che i due registi abbiano approvato e supervisionato la gestione dei loro universi e dei loro personaggi. Dopotutto lo stesso Raimi sta lavorando a Doctor Strange in The Multiverse of Madness, quindi l’idea di numerose riunioni insieme a Jon Watts per delineare la trama è più che valida.

Ovviamente non ci sono conferme effettive in merito, vi terremo aggiornati.

Fonte