“Spider-Man: Lotus” torna a far parlare di sé con una foto nel quale viene accennata l’aspetto del Green Goblin in uno scontro all’ultimo sangue.

All’inizio del 2021 vi abbiamo parlato per la prima volta di Spider-Man: Lotus, il fan film no-profit ad opera di un gruppo di appassionati, che vuole portare nella realtà l’Uomo Ragno dei fumetti classici, con un costume ad opera del team di costumisti Italiani The Amazing Spider-Lab, unendo le due amatissime storie Il Ragazzo che collezionava l’Uomo Ragno e Spider-Man: Blue, ispirandosi al contempo alla run di Gerry Conway, ed all’iconica Spider-Man: The Animated Series in un vero e proprio studio psicologico del protagonista, per la regia di Gavin J. Konop, con Peter Parker (Warden Wayne), e dei suoi amici Harry Osborn (Sean Wythe) e Mary Jane Watson (Moriah Brooklyn), nel periodo immediatamente successivo alla morte della loro amica (e nel caso di Peter, primo grande amore) Gwen Stacy (Tuyền Powell), il tutto nel bel mezzo di una visita fatta dall’Uomo Ragno al suo più grande fan, un bambino di nome Tim Harrison (Max Fox), tristemente affatto da una malattia terminale.

E proprio riguardo alla morte di Gwen, non ci si può non aspettare la presenza, almeno in forma di flashback, di Norman Osborn nei panni del malefico Green Goblin, specialmente dopo l’uscita di un trailer particolarmente convincente – riguardo il quale hanno dimostrato apprezzamento da figure di spicco come Jon Watts ed Andrew Garfield – nel quale veniva accennata la terrificante risata della nemesi dell’Uomo Ragno.

Ad interpretare il ruolo, non tanto di Norman Osborn vista la giovanissima età dell’attore, quanto del Goblin con indosso un costume (sempre a cura di The Amazing Spider-Lab) che possiamo intuire dia risalto alle capacità vocali dell’attore, sarà John Salandria, la cui presenza è stata accennata tramite una foto ambientata durante l’ultimo scontro tra Osborn ed un furioso Peter Parker il quale ha perso l’amore della sua vita in pochi tragici istanti, il quale culmina con la fine che il primo Goblin troverà venendo trafitto dal suo stesso aliante.

Ovviamente si tratta di un lieve accenno, ma tra la casacca violacea dal gusto decisamente medioevale e le scaglie verdi dall’aspetto metallico, ci si può aspettare che il team di Spider-Man: Lotus abbia in serbo un altro costume che conservi le qualità fumettistiche classiche, adattandole ad una sensibilità live action che vuole usare tutti i mezzi a propria disposizione per far sii che il pubblico prenda sul serio ciò che è sulla carta senza troppi compromessi.

Fonte