Lo sceneggiatore di Spider-Man ha ricordato il deludente incontro con Tim Burton (Batman) per discutere della regia del film.

In un lungo speciale di Variety dedicato al 20º anniversario dell’uscita del primo Spider-Man (2002) nelle sale cinematografiche sono stati svelati nuovi dettagli sulla realizzazione della pellicola diretta da Sam Raimi, considerata ancora oggi un film iconico che ha contribuito al successo del genere dei cinecomics per come lo conosciamo oggi, gettando inevitabilmente le basi per la nascita dell’Universo Cinematografico Marvel.

Nella retrospettiva è stato ricordato che la Sony Pictures iniziò ad incontrare potenziali registi – tra cui David Fincher (Fight Club) e Chris Columbus (Mrs. Doubtfire) – che dimostrarono però di non essere molto interessati al progetto. Nonostante il successo di critica e di pubblico de La casa (1981), Darkman (1990) e Pronti a morire (1995), inizialmente Raimi non era tra i candidati presi in considerazione dallo studio. In occasione dell’anniversario, i produttori Amy Pascal, Avi Arad, Matt Tolmach e lo sceneggiatore David Koepp hanno parlato dei primi incontri avuti ai tempi con i vari registi, raccontando la deludente discussione avuta con Tim Burton (Batman, Edward mani di forbice):

Pascal:Un sacco di persone vennero da noi e parlarono delle inquadrature e della possibilità di creare delle telecamere per girare le scene di volteggio e roba così.”

Arad: “Alcuni di loro erano immensamente emozionati, ma adottarono il punto di vista di chi sapeva cosa fare. Ossia ‘Datemi tutti i soldi, lasciatemi lavorare in pace e realizzerò un film grandioso.’

Koepp: “Ricordo che Amy mi disse che avevano incontrato Tim Burton, che durante l’incontro disse ‘Credo di essere più un tipo da DC’. Sembrava che non si stesse sforzando di ottenere il lavoro.”

Tolmach: “Sam non aveva lo straordinario successo che forse avevano alcuni degli altri [che incontrammo] al tempo, ma era un ragazzino fighetto super nerd che stava facendo tutte queste cose interessanti.

Arad: “Sam era unico. Non l’ha fatto per soldi. Sam aveva il bisogno di realizzarlo.”

Ricordiamo che Spider-Man (2002), scritto da David Koepp e diretto da Sam Raimi, Tobey Maguire (Peter Parker/Spider-Man), Willem Dafoe (Norman Osborn/Goblin), Kirsten Dunst (Mary Jane Watson), James Franco (Harry Osborn), Cliff Robertson (Ben Parker), Rosemary Harris (May Parker), J. K. Simmons (J. Jonah Jameson), Bill Nunn (Joseph “Robbie” Robertson) Elizabeth Banks (Betty Brant) e Ron Perkins (Mendel Stromm).

Spider-Man

SINOSSI
Peter Parker è il tipico adolescente sfigato, segretamente innamorato fin da bambino della sua vicina di casa Mary Jane, rimasto orfano dei genitori e che vive con gli zii. Durante una gita scolastica a un laboratorio scientifico Peter viene morso da un ragno geneticamente modificato. Ben presto si renderà conto di non aver più bisogno degli occhiali da vista e di essere in possesso di poteri molto particolari. Ma da un grande potere derivano grandi responsabilità.

Fonte