Spider-Man, Kirsten Dunst inizialmente pensava di dover interpretare Gwen Stacy nel primo film di Sam Raimi.

Nel nuovo libro With Great Power: How Spider-Man Conquered Hollywood during the Golden Age of Comic Book Blockbusters, scritto da Sean O’Connell (direttore generale di CinemaBlend) e contenente una dettagliata ricostruzione di tutte le trasposizioni cinematografiche dell’Uomo Ragno nell’era moderna, sono stati raccolti numerosi retroscena inediti sugli adattamenti dedicati all’arrampicamuri.

In un passaggio del libro Kirsten Dunst, interprete di Mary Jane Watson nell’iconica trilogia di Spider-Man diretta da Sam Raimi, ha confessato di avuto alcuni dubbi inizialmente sul personaggio che avrebbe dovuto interpretato nel film. L’attrice, a quanto pare, pensava di dover prestare il volto a Gwen Stacy, il primo amore di Peter Parker nei fumetti. Dunst ha svelato che, quando incontrò per la prima volta il regista, sfogliò numerosi fumetti riscontrando diverse somiglianze estetiche con Gwen. Dopo essere entrata nel cast, tuttavia, l’attrice ha deciso di approfondire MJ per poterla interpretare nel modo migliore possibile.

Spider-Man

In passato il produttore Avi Arad aveva rivelato che la produzione aveva considerato effettivamente di ingaggiare Dunst per il ruolo di Gwen ma di aver optato alla fine per la parte di Mary Jane per via della profondità del rapporto con Peter. Curiosamente, inoltre, il primo film di Spider-Man ha adattato alcuni elementi dell’arco narrativo “La notte in cui morì Gwen Stacy“, tra cui occorre ricordare il momento in cui Green Goblin lancia la fidanzata di Spidey dal ponte di Brooklyn e la morte del folletto verde.

Il personaggio di Gwen Stacy, come sappiamo, sarebbe stato introdotto soltanto in Spider-Man 3 (2007). Sfortunatamente questa versione di Gwen, interpretata da Bryce Dallas Howard (Jurassic World, Black Mirror), non ha convinto affatto gli appassionati di fumetti.

Ricordiamo che Spider-Man (2002), scritto da David Koepp e diretto da Sam Raimi, Tobey Maguire (Peter Parker/Spider-Man), Willem Dafoe (Norman Osborn/Goblin), Kirsten Dunst (Mary Jane Watson), James Franco (Harry Osborn), Cliff Robertson (Ben Parker), Rosemary Harris (May Parker), J. K. Simmons (J. Jonah Jameson), Bill Nunn (Joseph “Robbie” Robertson) Elizabeth Banks (Betty Brant) e Ron Perkins (Mendel Stromm).

Questa la sinossi ufficiale:
Peter Parker è il tipico adolescente sfigato, segretamente innamorato fin da bambino della sua vicina di casa Mary Jane, rimasto orfano dei genitori e che vive con gli zii. Durante una gita scolastica a un laboratorio scientifico Peter viene morso da un ragno geneticamente modificato. Ben presto si renderà conto di non aver più bisogno degli occhiali da vista e di essere in possesso di poteri molto particolari. Ma da un grande potere derivano grandi responsabilità.