se ne parlava tanto, veniva spesso preso in giro perchè non facente parte degli Avengers Spidey era tagliato fuori dal franchise dei Marvel Studio, ma la notizia di oggi cambia tutto. Ricordate l’ attacco hacker che ha reso pubblici molti dati sensibili della Sony? Ecco tra queste notizie l’ ultime ad essere uscite riguardano i nuovi moivmenti della Sony in merito al nostro ragnetto preferito.
Partiamo però con la notizia meno succulenta, pare che il presidente di Sony Amy Pascal avrebbe contattato Sam Raimi per aiutare a risollevare i risultati di Spidey. Anche se l’articolo scritto dal Wall Street Journal a riguardo è stato rimosso, inizialmente era stato pubblicato. E diceva:

“Ms. Pascal ha parlato con Sam Raimi, che ha diretto i primi tre film di Spider-Man per un suo ritorno al franchise come regista o produttore”.

Ma ora il vero succo della nostra notizia, i Marvel Studios hanno tentato di convincere Sony a condividere Spider-Man per farlo apparire nei prossimi film dell’universo Marvel cinematografico, in particolare Captain America: Civil War, dove il nostro Uomo Ragno dovrebbe esordire per entrare poi negli Avengers.

Una mail del 30 ottobre tra il presidente di Sony Pictures Doug Belgrad e il co-presidente Amy Pascal rivela due dettagli chiave: che Marvel aveva proposto di produrre una nuova trilogia di Spider-Man per la quale Sony avrebbe mantenuto controllo su marketing e distribuzione e che, come detto, l’idea dei Marvel Studios era quella di far debuttare l’eroe nel terzo Captain America, ispirato a una famosa miniserie a fumetti in cui i supereroi si dividono in due schieramenti pro e contro un atto di registrazione degli stessi. L’Uomo Ragno gioca un ruolo chiave nella serie, una specie di ago della bilancia che passa dall’alleanza con Iron Man a quella con Capitan America.

A quanto afferma il Wall Street Journal, quelle discussioni sarebbero cadute e ora la Sony starebbe pensando di realizzare un film d’animazione di Spider-Man diretto da Phil Lord e Chris Miller, i registi di Piovono polpette, 21 Jump Street e The Lego Movie. Pare inoltre che Sony abbia programmato per gennaio uno “Spidey Summit” per decidere le prossime mosse. Da tutto questo appare ancora una volta la confusione totale di uno Studio che, pur trovandosi per le mani uno dei personaggi più popolari della storia del fumetto, con la quale non è riuscito a tirarne fuori le sue vere potenzialità. Speriamo che riprendano il discorso le due major e decidano di lasciare il personaggio a chi veramente possa sfruttarlo appieno.