She-Hulk, Attorney at Law, la regista Anu Valia riflette sulle “idee complicate” alla base della serie e sul viaggio di Jennifer Walters.

Il 18 agosto ha debuttato su Disney+ She-Hulk: Attorney at Law, la nuova serie dei Marvel Studios con protagonista Tatiana Maslany nei panni di Jennifer Walters, brillante avvocato specializzato in legge per supereroi e cugina del ben più noto Bruce Banner alias Hulk (Mark Ruffalo). Lo show vede anche il ritorno di Tim Roth nel ruolo di Emil Blonsky alias Abominio, direttamente da L’Incredibile Hulk (2008).

Nel corso di un’intervista con Jenna Anderson di ComicBook.com, Anu Valia, regista del quinto, sesto e settimo episodio di She-Hulk: Attorney at Law, ha parlato del viaggio personale di Jennifer Walters nella serie, spiegando che i prossimi episodi verteranno ulteriormente sul tema dell’identità:

“Non farò spoiler, perché penso che vi piacerà molto guardarlo. E sinceramente penso che sarà divertente intraprendere quel viaggio con lei, ma penso che la cosa bella dello show sia che è molto divertente. Inoltre, lo show esplora queste idee complicate sull’identità. Come puoi possedere un’identità che ti viene imposta ma che a volte ti fa sentire male per l’altro lato di te? È un’idea molto complicata. E penso che la serie voglia approfondire questo aspetto. È molto interessante.”