She-Hulk: Attorney at Law, i Marvel Studios hanno chiesto al team degli effetti visivi di rendere più brutto il Todd/Hulk nel finale.

Il 18 agosto ha debuttato su Disney+ She-Hulk: Attorney at Law, la nuova serie dei Marvel Studios con protagonista Tatiana Maslany nei panni di Jennifer Walters, brillante avvocato specializzato in legge per supereroi e cugina del ben più noto Bruce Banner alias Hulk (Mark Ruffalo). Lo show vede anche il ritorno di Tim Roth nel ruolo di Emil Blonsky alias Abominio, direttamente da L’Incredibile Hulk (2008).

Nel corso di un’intervista con Befores and Afters, Guy Williams, supervisione degli effetti visivi della Wētā FX, ha parlato del suo lavoro sui VFX del finale di stagione di She-Hulk: Attorney at Law, soffermandosi sulla creazione della versione Hulkizzata di Todd Phelps (Jon Bass). In particolare, Williams ha svelato che i Marvel Studios hanno chiesto al team addetto agli effetti visivi di rendere più brutto il personaggio:

“Per certi i versi è stato uno dei personaggi più divertenti su cui abbiamo lavorato perché è assolutamente assurdo. La parte davvero divertente era che l’attore [Jon Bass] ha fatto un lavoro incredibile nell’interpretare il ruolo. Abbiamo cercato di essere il più fedeli possibile al risultato. Uno dei problemi che abbiamo riscontrato è stato che abbiamo preso l’attore e per cominciare abbiamo creato una sua versione Hulkizzata, ma poi lo studio è tornato da noi e ha detto, ‘No, no, no, no, lui è il cattivo. Deve sembrare cattivo. Non può essere così bello.‘”

Abbiamo scoperto che quando prendi quell’attore, gli dai dei muscoli come quelli di Hulk e gli scolpisci la faccia, si trasforma in un vero e proprio Adone. Era troppo attraente… è stata questa la sfida che abbiamo dovuto affrontare con Todd. Come riferimento, abbiamo dovuto trovare dei culturisti che non hanno allenato tutti i loro muscoli nello stesso modo. Ad esempio, Todd ha formato massicciamente i muscoli dei bicipiti e del torace, ma ha un ventre molto sottile. Non ha fatto molta ginnastica. Todd ha dei quadricipiti massicci, ma dei polpacci molto tozzi, e la sua testa è più piccola rispetto al suo corpo. Così abbiamo dovuto lavorare di più sulle imperfezioni del volto in modo che non sembrasse troppo bello. Abbiamo preso il suo taglio di capelli piuttosto buono e lo abbiamo incasinato ancora di più affinché apparisse un po’ più maniacale.”

L’altra sfida che abbiamo avuto con Todd è stata che volevamo sfruttare la sua trasformazione. Invece di vederlo trasformarsi in Todd-Hulk, abbiamo deciso di farlo trasformare a pezzi: prima il braccio, poi i piedi, poi l’altro braccio, poi il corpo mentre la testa è ancora incastrata. E c’è questo momento in cui sembra quasi che stia per soffocare perché la sua testa è bloccata dentro il suo petto, perché non è ancora cresciuta. Abbiamo dovuto fare un’attrezzatura che ci ha permesso di far crescere le varie parti di Hulk una alla volta con cursori diversi, per controllare e coreografare la trasformazione.”