Kevin Feige ha spiegato perché in Iron Man 3 non è stato introdotto il vero Mandarino, villain di Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli.

In occasione del San Diego Comic-Con 2019, i Marvel Studios hanno annunciato Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli, il primo film dell’Universo Cinematografico Marvel incentrato su un supereroe asiatico della Casa delle Idee. La pellicola, diretta da Destin Daniel Cretton, introdurrà nel MCU il vero Mandarino (Tony Leung) e vedrà un cast composto da attori e attrici di origini asiatiche.

Nel corso di una recente intervista promozionale con Rotten Tomatoes, il presidente dei Marvel Studios e Chief Creative Officer della Casa delle Idee Kevin Feige ha parlato dei legami di Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli con le origini del Marvel Cinematic Universe e con il Mandarino di Iron Man 3 (2013), spiegando che ai tempi il piano dello studio era di utilizzare il nome dello storico villain di Iron Man e al contempo di introdurre il vero personaggio in un secondo momento:

“Sta proprio lì il divertimento dell’MCU nella fase attuale. Possiamo fare qualcosa come Shang-Chi, introducendo un nuovissimo eroe nell’MCU e nel mondo in generale. Ma quel sottotitolo, La Leggenda dei Dieci Anelli, in realtà si collega alle origini dell’MCU. I Dieci Anelli erano l’organizzazione che rapì Tony Stark all’inizio del primo Iron Man. E quell’organizzazione era ispirata ad un personaggio chiamato il Mandarino nei fumetti.”

“E tornando al primo Iron Man: abbiamo parlato di questo quando abbiamo deciso di portare questo personaggio sullo schermo, volevamo farlo quando avremmo saputo di potergli rendere giustizia suprema e mostrare la complessità di questo personaggio, cosa che francamente non avremmo potuto fare in un film di Iron Man perché un film di Iron Man è su Iron Man, un film di Iron Man è su Tony Stark. Allora Shane Black, nel suo film [Iron Man 3] e nella sua sceneggiatura che ha co-scritto, pensò a questo divertente colpo di scena che adoriamo ancora oggi, e si è rivelato essere Trevor Slattery.”

Nonostante nel film diretto da Shane Black il Mandarino si sia rivelato essere un attore fallito chiamato Trevor Slattery (Ben Kingsley) al soldo Aldrich Killian (Guy Pearce), il produttore ha difeso il colpo di scena di Iron Man 3 e elogiato la performance attoriale di Tony Leung:

Solo perché quella versione non era reale non significa che non ci sia leader dell’organizzazione dei Dieci Anelli, ed è colui che incontreremo per la prima volta in Shang-Chi. Il fatto che Tony Leung interpreti il padre di Shang-Chi e il leader dei Dieci Anelli è un altro sogno che diventa realtà, uno di quei momenti in cui bisogna darsi un pizzicotto, perché è uno degli attori migliori della nostra epoca e siamo davvero entusiasti di introdurlo, spero, ad una fanbase completamente nuova che potrebbe non essere consapevole del lavoro spettacolare che ha fatto.”

Ricordiamo che Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli, scritto da David Callaham (Horsemen) e Andrew Lanham e diretto da Destin Daniel Cretton (Just Mercy), è previsto per l’1 settembre 2021 e vedrà nel cast Simu Liu (Shang-Chi), Awkwafina (Katy), Fala Chen (Jiang Li), Ronny Chieng (Jon Jon), Florian Munteanu (Razor Fist), Meng’er Zhang (Xialing), Michelle Yeoh (Jiang Nan), Tony Chiu-Wai Leung (Wenwu/Mandarino) e Dallas Liu.

Shang-Chi Iron Man 3 Kevin Feige Mandarino

SINOSSI
In arrivo a settembre 2021, Simu Liu interpreterà Shang-Chi in Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings dei Marvel Studios. Shang-Chi dovrà affrontare il passato che pensava di essersi lasciato alle spalle quando verrà trascinato nella ragnatela della misteriosa organizzazione dei Dieci Anelli.

Fonte