Ben Kingsley ha paragonato il potenziale impatto culturale di Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli a quello di Gandhi.

Lo scorso mercoledì è stato distribuito nelle sale italiane Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli, il primo film dell’Universo Cinematografico Marvel incentrato su un supereroe asiatico della Casa delle Idee. La pellicola, diretta da Destin Daniel Cretton, si presenta come un dramma familiare ricco di sequenze d’azione e di arti marziali e racconta il rapporto conflittuale tra Shang-Chi e suo padre Wenwu, leader della misteriosa organizzazione dei Dieci Anelli.

Durante una conferenza stampa per promuovere Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli (via ComicBookMovie.com), Sir Ben Kingsley, interprete di Trevor Slattery in Iron Man 3, ha paragonato la sua esperienza su Gandhi (che gli valse anche l’Oscar per il Miglior attore) a quella del blockbuster dei Marvel Studios. Nel momento in cui gli è stato chiesto se, dal suo punto di vista, il film con Simu Liu abbia il potenziale di replicare l’impatto culturale di Gandhi per quanto riguarda la rappresentazione degli asiatici ad Hollywood, Kingsley ha dichiarato:

“Beh, penso che quando senti Destin descrivere il film, ti rendi conto che i motivi che lo hanno spinto a raccontare questa storia siano puri, cristallini e lucidi. Migliorano la vita e non sono condiscendenti perché ci introducono in modo meraviglioso alla memoria, al lignaggio, alla perdita e ad una famiglia divisa e poi riunita e riconfigurata. Tutto ciò viene dal cuore di Destin, di Kevin [Feige] e dello sceneggiatore. E se le tue motivazioni, in quanto narratore, sono pure, gli angeli verranno ad assisterti e, per citare un grande autore che ammiro profondamente, ‘raccontare una storia significa guarire.'”

Penso questo di questa storia in particolare, perché è meravigliosamente raccontata e
poiché non è una storia propagandistica. È semplicemente una bella storia. Trevor [Slattery] è un attore shakespeariano e si trova trasportato in un mondo completamente esotico, ma sopravvive. E grazie al benvenuto che Kevin, Destin e i miei fantastici colleghi mi hanno dato, ho fatto ben diciassette commedie di Shakespeare. Quindi sono un attore shakespeariano ma, non appena sono arrivato sul set, il fatto che i miei colleghi appartenessero ad un’altra cultura è diventato irrilevante.

“Completamente immateriale e irrilevante. Siamo tutti attori. Viviamo in empatia e in continua trasformazione, questa è la nostra moneta. Tutto il resto è irrilevante e, se possiamo dimostrare quell’energia, penso che alla fine ciò calmerà e guarirà le persone e dimenticheranno, o meglio, si renderanno conto che c’è una differenza sottilissima nella narrazione e nei nostri cuori.

Ricordiamo che Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli, scritto da David Callaham (Horsemen) e Andrew Lanham (Just Mercy) e diretto da Destin Daniel Cretton (Il castello di vetro), vede nel cast Simu Liu (Shang-Chi), Awkwafina (Katy), Fala Chen (Jiang Li), Ronny Chieng (Jon Jon), Florian Munteanu (Razor Fist), Meng’er Zhang (Xialing), Michelle Yeoh (Jiang Nan), Tony Leung (Wenwu) e Benedict Wong (Wong).

Shang-Chi

SINOSSI
In arrivo a settembre 2021, Simu Liu interpreterà Shang-Chi nel nuovo film dei Marvel Studios, Shang-Chi e la Leggenda dei Dieci Anelli. Shang-Chi dovrà affrontare il passato che pensava di essersi lasciato alle spalle quando verrà trascinato nella ragnatela della misteriosa organizzazione dei Dieci Anelli.

Fonte