The Batman di Matt Reeves sta aiutando Robert Pattinson a “sopravvivere” alla quarantena a Londra, come ammesso dall’attore in una recente intervista.

The Batman  di Matt Reeves con Robert Pattinson nel ruolo di Batman è al momento uno dei film più attesi nel panorama cinecomic. La pellicola si propone di raccontare una storia che attinge all’anima noir di Batman, personaggio creato nel 1939, quindi in un periodo in cui il genere spopolava come in pochi altri momenti storici, mettendo al centro di tutto le sue abilità di detective.

Il film era entrato in fase di produzione a febbraio, ma a seguito dell’emergenza Coronavirus, le riprese sono state messe in pausa fino a data da destinarsi e la Warner Bros. ha posticipato l’uscita del film dal 25 giugno al 1 ottobre del 2021

Intervistato da GQ durante la quarantena a Londra, l’attore ha avuto modo di parlare del film e della sua preparazione, spiegando:

A volte penso che i lati negativi – a cui ho sicuramente pensato – i lati negativi sembrano dei lati positivi. Mi piace il fatto che esistano delle versioni molto, molto, molto ben riuscite e definitive del personaggio, ma anche delle interpretazioni altrettanto definitive. Recentemente ho visto il making of di Batman & Robin e George Clooney spiegava di essere preoccupato dal fatto che Batman fosse stato già interpretato ed esplorato in varie sfaccettature. Ed era il 1996, 1997 vero?

L’attore successivamente ha riflettuto sull’eredità del Cavaliere Oscuro al cinema e su ciò di unico che può offrire:

Poi c’è stato Christian Bale e quindi Ben Affleck. E’ divertente quando si coprono tutte queste sfaccettature.  Ma dov’è il divario? Avete visto la versione più leggera, quella più stanca e affaticata, quella più animalesca. Se le metti insieme, hai un quadro ampio e soddisfacente che ti porta a pensare “quale sarà la mia?” C’è qualcosa dentro di me che potrebbe funzionare se avessi la possibilità di interpretarlo? Alla fine bisogna pensare anche all’eredità del personaggio, giusto? Tutto ciò mi piace.

Ci sono poche cose nella vita a cui le persone si interessano con passione ancor prima che queste accadano. Puoi sentire la spinta delle aspettative e questo riesce a darti un pochino di energia. E’ molto diverso da quando hai un ruolo e ci sono possibilità che nessuno lo veda, giusto? Sotto alcuni punti di vista…non so, rende tutto più piccante.

Infine, Pattinson ha spiegato che in questa quarantena sta seguendo una dieta per prepararsi al meglio al ruolo, anche se non vive in maniera assidua l’allenamento fisico come molti dei suoi colleghi -anche se sta seguendo comunque un regime di allenamento con degli strumenti che ha ricevuto dal suo personal trailer.

Se pensi di allenarti tutto il tempo, sei parte del problema. Con “tu”, intendo gli altri attori. Nessuno faceva tutto ciò negli anni ’70. Ma Batman è Batman.

A riguardo, su alcuni siti è stato riportato che l’attore “non si sta allenando minimamente al ruolo”, ma in realtà Pattinson ha soltanto esternato la sua malinconia nell’essere chiuso in un appartamento in affitto lontano da casa e senza pc e telefono. Scherzando, ha spiegato che tutto ciò lo porta a non fare nulla per tutto il giorno.

Fonte