Recensione - Avengers: Rage of Ultron
9Overall Score
Storia9.3
Disegni9
Azione8.8
Personaggi9
Reader Rating 4 Votes
9.2

Avengers: Rage of Ultron, a nostro parere è tra le storie più belle incentrate su questo affascinante villain, una nemesi nata all’interno del gruppo degli eroi più potenti della Terra, anzi creato proprio da un membro fondatore degli Avengers, Hank Pym, che con la sua straordinaria invenzione (sia in bene o in male), avrebbe voluto cambiare il mondo in meglio, anche se il suo retaggio è stato ben diverso.

avengers-rage-of-ultron-ogn-remender-opena-marvel-comics-pym_-2Tutte le storie incentrate su questo villain carismatico e tormentato hanno sempre avuto un diretto legame con Pym, in qualche modo tutte tendenti a sottolineare la sua parentela forzata con Ultron, quella di padre e figlio, un rapporto che è sempre stato visto da entrambi come una disgrazia, dati i tentativi da parte dell’androide, sin dalla sua prima apparizione nel 1968 su Avengers #54, di distruggere la razza umana, ritenuta non degna di esistere per via di tutti quei sentimenti negativi che in molti casi la hanna portato all’ autodistruzione, per esempio l’odio,che come conseguenza diretta ha portato a numerose guerre.

In ogni avventura l’androide sociopatico ha sempre chiamato Pym “padre” e si è sempre cercato di costruire una famiglia in maniera perversa, cercando di compensare alla mancanza di amore privatogli fin dagli inizi. Prima Visione, che considerava suo figlio, poi Jocasta, creata da lui per poter avere al suo fianco una moglie, e poi Alkhema, tutti androidi creati utilizzando gli schemi mentali di Wonder Man, Wasp e Mimo, membri fondatori degli Avengers che hanno contribuito ad ampliare il concetto che Ultron aveva di “famiglia”. Pym non si è mai perdonato questa sua creazione, e dopo alcuni scontri anche lui ha iniziato vedere nell’androide un vero e proprio fallimento per se stesso, uno dei motivi per il quale Giant-Man era caduto in depressione, uno dei motivi per il quale è arrivato a credere che Ultron gli somigliasse.

Avengers-Rage-of-Ultron-2015-Page-30

La trama di Rage of Ultron è incentrata non solo sulla parentela e sui meccanismi familiari di questi due straordinari personaggi, ma su tutte le dinamiche che attorno a loro hanno influito e che li hanno portati a crescere, a cambiare, ad evolversi, e a volte a perdersi in un sentiero più oscuro. La storia lascia senza fiato, colpisce diretti al cuore e all’animo, trasmettendo quel senso di agonia che si adatta perfettamente ad un personaggio tormentato come quello di Ultron, alleggerito poi  da personaggi di contorno che esprimono la solita ironia marveliana, sfumando così quell’atmosfera così cupa e pesante. pym-ultron-129654Gli stessi dialoghi mostrano diversi lati che nelle altre storie non sono stati toccati. Rick Remender, è riuscito a rendere nuova e interessante una storia incentrata su di un personaggio sfruttato moltissimo, rendendolo nuovo, mostrando diverse prospettive, un aspetto che abbiamo veramente apprezzato.

La storia ha il suo incipit nel passato, più precisamente durante uno scontro tra Ultron ed i Vendicatori classici, ovvero Capitan America (Steve Rogers) Iron Man, Thor, Visione, Scarlet, Hank Pym, Wasp, Occhio di Falco e Bestia. La narrazione successivamente si sposta con un brusco salto nel presente, testimoniando il profondo cambiamento che il team degli Eroi più potenti della terra ha subito ai giorni nostri: nella nuova formazione sono rimasti solamente Visione Scarlet, Pym e Wasp, ai quali si sono aggiunti il nuovo Captain America (Sam Wilson), la nuova Thor, Quicksilver, Spider-Man e Sabretooth.

Per quanto riguarda i disegni, la coppia Jerome Opeña e Pepe Larraz è riuscita ad essere perfettamente in linea con i dialoghi e con l’atmosfera dark che vige nella storyline, dai tratti un po’ sporchi, che rendono ancora più interessanti i personaggi, riuscendo anche a far trasparire le emozioni nei loro disegni.

Un’altra caratteristica che ha lasciato stampato sul nostro volto un sorriso di profonda soddisfazione è l’introduzione scritta da Kurt Busiek, noto per il suo leggendario ciclo sui Vendicatori, durato diversi anni. La cura con cui è riuscito a spiegare il volume e a riesumare le storie passate, senza cadere in una scomoda lista di eventi avvenuti, è stata stravolgente. Busiek ha mostrato il suo modo di vedere Ultron, cambiando anche la visione comune che le persone hanno di questo personaggio.

Ogni piccolo dettaglio, ogni aspetto del fumetto è stato curato con una particolare attenzione che lo ha reso a nostro parere una delle migliori opere dedicate Ultron, e sicuramente una delle graphic novel che non bisognerebbe lasciarsi sfuggire.