Il 75° Anniversario di Batman è ancora nell’aria anche se ci si avvicina inesorabilmente al termine.

Tuttavia al panel del NYCC intitolato Batman: Gotham Rising il tutto si è svolto in grande stile con moltissimi ospiti e autori delle serie che ruotano attorno all’universo del Cavaliere Oscuro. C’erano tantissimi autori e disegnatori, che hanno fatto molti annunci:

– Partiamo dalla testata Batman che entra nel nuovo arco narrativo intitolato “Endgame” e che vedrà il ritorno del Joker che distruggerà “ogni pezzo di ogni giocattolo di ogni gioco”. Un ritorno in grande stile quindi che Snyder vede come la seconda parte di “Death of the Family” anche se il personaggio sarà completamente diverso da quell’arco; ricordiamo che è il 75° anniversario anche per il Joker e lo scrittore ha dichiarato che sono ormai due anni che progetta questo arco narrativo.

Secondo Snyder:

“È il punto più alto del nostro lavoro insieme, una celebrazione di tutto quelle che voi ragazzi che avete permesso di fare in questa serie finora. Alla fine ci saranno ancora tutte le carte sul tavolo, ma sarà cambiato lo status quo il che ci permetterà di raccontarvi di seguito una [nuova] storia. È qualcosa che stiamo architettando da tantissimo tempo e ve ne siamo molto grati”.

Subito dopo tocca a Batman Eternal e Tynion parla della serie e degli eventi che stanno sconvolgendo la trama al momento.
“Abbiamo avuto l’enorme rivelazione che Hush è uno dei villain più rilevanti della serie, ma sembra che ci sia qualcosa ancora sotto. … Quella raccontata è una Gotham City estremamente pericolosa. È una Gotham manipolata per ferire Batman nel peggiore dei modi”.

– Stewart poi parla di Batgirl e di come sia entrato nel progetto di sua spontanea volontà ma per via dell’impossibilità di portarlo avanti da solo ha richiesto l’aiuto di un suo caro amico come Brenden Fletcher. Ogni numero della serie sarà diverso dagli altri, su alcuni ci sarà tanta azione, su altri mistero ed esplorazione, il lettore non deve sapere quale direzione prenderà la serie.

– Peter Tomasi ha poi parlato del suo Batman and Robin e della svolta prettamente action a seguito della morte di Damien, con tantissimi scontri, molta azione e parecchie rivelazioni.

– In Arkham Manor invece vedremo Villa Wayne diventare il nuovo Arkham Asylum e Batman dovrà avere a che fare con tutti questi criminali psicopatici rinchiusi in casa sua.

– Fletcher ha poi parlato del suo lavoro su Gotham Academy, serie scolastica “venuta fuori dal nulla” che segue le vicende degli studenti di Gotham. In particolare vedremo come questi edifici e questi studenti sono collegati a Gotham e a Batman e questo sarà il punto focale del fumetto, avvolto dal mistero.

– Il prossimo ad essere presentato è Gotham by Midnight, disegnato da Doyle, che lo ha incentrato su una centrale di polizia durante il turno di notte.

Andreyko ha parlato di Batwoman, introducendo il nuovo team formato dalla eroina insieme a sua sorella, Ragman, Demon e Clayface. Il numero 35 in particolare sarà ambientato nello spazio: “Questo numero è ambientato nello spazio profondo e il prossimo arco narrativo si intitolerà ‘Come diavolo ci siamo finiti qui?’.

Manapul e Buccellato infine parlano di Detective Comics. “Si comincia con un omicidio e Batman deve scoprirne il movente”.
“Anarky da a Gotham City il dono della scelta. Alla fine, sarà interessante vedere per chi faranno il tifo i lettori — Batman o Anarky”.