Dopo le nuove immagini con Ben Affleck, Henry Cavill, Jesse Eisenberg e Gal Gadot su Entertainment Weekly, ora direttamente dal magazine, che ha intervistato il regista Zack Snyder ed Affleck, scopriamo qualche altro dettaglio sulla storia del film:

Ormai, Batman protegge Gotham City da ben vent’anni. E’ stanco del mondo intero e Villa Wayne è diventata un guscio desolato, coperto di erbacce e pozzanghere dopo anni di abbandono. Tuttavia, non lo si creda un uomo debole: darà filo da torcere all’Uomo d’Acciaio.

Zack Snyder, regista della pellicola, ha parlato poi dello scontro tra i due supereroi:

«Mi piaceva che Ben fosse di 6 centimetri e mezzo più alto di Henry. Volevo che Superman fosse costretto a guardarlo sempre dal basso, nonostante lui sia molto più forte di Batman».

Nell’intervista, Affleck ha riflettuto sulla responsabilità del ruolo di Batman, un ruolo per cui nessuno immaginava che sarebbe stato scelto, soprattutto dopo la brutta esperienza in Daredevil:

«Non ha funzionato, per niente. Se volessi che le mie parole diventino virali, sarei molto meno gentile. Quel periodo era prima che le persone si rendessero conto che questi film si potevano fare e si potevano fare bene. Li si guardava in maniera cinica, del tipo “Mettigli un vestito in pelle rossa, fallo correre un po’, fagli cacciare qualche cattivo, e incassa l’assegno”».