Durante un’intervista lo sceneggiatore Nick Spencer è tornato a parlare degli eventi che stanno accadendo in Captain America: Steve Rogers e delle conseguenze di questo spoiler di cui si parla da tempo, che ha generato non poche polemiche.

Attenzione agli spoiler:

“La nuova storia passata di Steve, riscritta da Kobik, sarà analizzata con il tempo durante la storia. Abbiamo già iniziato a vederla dispiegarsi nel primo numero. Molte cose sono ora differenti da come le ricordiamo. Il bello di avere un personaggio come Kobik a disposizione è che non ci sono veri limiti al suo potere e nulla è intoccabile o fuori dalla sua portata.

Oltre a questo ha parlato dei possibili piani futuri del personaggio:

Dopo il primo numero, moltissimi esperti di continuity hanno segnalato delle incongruenze. Ora sapete che questo dipende dal fatto che quella continuity non esiste più, al momento. Quindi c’è davvero moltissimo da scoprire sul passato di questo Steve Rogers e i flashback saranno un elemento fondamentale. Sotto moltissimi aspetti, la storia che stiamo raccontando riguarda soprattutto il modo in cui la persona Steve Rogers e l’eroe Capitan America vengono percepiti all’interno dell’Universo Marvel. Al centro ci sono la fiducia di cui gode e l’autorità morale che comunica. Sono questi i temi che tratteremo mostrandovi l’opposto speculare del personaggio che è sempre stato.

Infine, riguardo l’altro Captain America, Sam Wilson, Spencer ha dichiarato:

Tutto questo avrà delle conseguente impattanti sul destino di Sam Wilson, l’altro Capitan America. Uno degli aspetti che trovo più curiosi di tutta questa situazione è il fatto che la gente non si stia concentrando su come queste vicende possano influenzare Sam. Quando Steve è tornato giovane, in tanti si chiedevano se Sam avrebbe continuato a portare lo scudo, se la sua serie avrebbe avuto ancora senso, se avrebbe ancora venduto.

Nell’Universo Marvel, moltissimi hanno spinto affinché Sam abbandonasse il nome di Captain America. Ora sappiamo che sarebbe una cosa terribile se lo facesse. Non vedo l’ora di scoprire assieme ai lettori che ne sarà di lui.