La regista Sharmeen Obaid-Chinoy ha rotto il silenzio sul rinvio della serie su Ms. Marvel al 2022 e sulle sessioni di riprese aggiuntive.

L’8 giugno ha debuttato sulla piattaforma di streaming Disney+ Ms. Marvel, la nuova serie dei Marvel Studios dedicata alla giovane supereroina pakistana-americana Kamala Khan (Iman Vellani) che rivedremo sul grande schermo al fianco di Brie Larson (Carol Danvers/Captain Marvel) e Teyonah Parris (Monica Rambeau) in The Marvels di Nia DaCosta.

L’uscita di Ms. Marvel su Disney+ era prevista originariamente per l’estate 2021 ma alla fine la serie è stata rinviata per permettere alla produzione di perfezionare alcune scene con una sessione di riprese aggiuntive che si è tenuta a settembre. In seguito, ad un anno di distanza dal termine delle riprese principali (marzo 2021), nel mese di gennaio 2022 i Marvel Studios hanno ordinato un’altra sessione di reshoots ad Atlanta che, secondo alcune indiscrezioni, avrebbe cambiato radicalmente alcuni aspetti della trama.

Nel corso di un’intervista concessa in esclusiva al sito The Direct, Sharmeen Obaid-Chinoy, regista del quarto e del quinto episodio di Ms. Marvel, ha provato a fare luce sulla vicenda, spiegando che i pick-up – ossia le riprese aggiuntive – erano finalizzati a rendere più coesa la storia e a collegare meglio gli episodi tra loro:

Penso che abbiamo fatto delle riprese aggiuntive per legare insieme la storia, assicurandoci che ci fosse una specie di trama coesa attraverso i vari episodi. E credo che con ognuno degli episodi, quando sei sul punto di completare la serie, pensi a tutte le altre cose che avresti potuto portare e fare. Per questo motivo abbiamo fatto un po’ di pick-up qui e lì.”

In merito al rinvio dello show al 2022, la regista ha attribuito la colpa alla pandemia da COVID-19 che ha avuto inevitabilmente un impatto considerevole sulle scene d’azione:

Penso sia stata la pandemia. Ad essere onesti, penso che la pandemia sia stata molto ciclica. Ogni volta che pensavamo che stesse arrivando alla fine, riemergeva con la sua brutta faccia. E penso che ci siano alcune scene molto grosse in Ms. Marvel che, sai, richiedono centinaia e centinaia di comparse e che sono girate in location, in esterna. E, sai, ci sono i viaggi internazionali e penso che creare una serie in sei parti che è girata in più paesi con una crew diversificata e più personaggi durante una pandemia richieda tempo.”