La regista di Ms. Marvel ha commentato la rivelazione sulle vere origini di Kamala Khan nel quarto episodio della serie Marvel.

Spoiler

L’8 giugno ha debuttato sulla piattaforma di streaming Disney+ Ms. Marvel, la nuova serie dei Marvel Studios dedicata alla giovane supereroina pakistana-americana Kamala Khan (Iman Vellani) che rivedremo sul grande schermo al fianco di Brie Larson (Carol Danvers/Captain Marvel) e Teyonah Parris (Monica Rambeau) in The Marvels di Nia DaCosta.

Nel quarto episodio di Ms. Marvel il personaggio di Waleed (Farhan Akthtar) spiega a Kamala che il termine “Djinn” viene utilizzato per indicare qualsiasi cosa fuori dall’ordinario dai pakistani. Nel corso di un’intervista concessa in esclusiva al sito The Direct, Sharmeen Obaid-Chinoy, regista del quarto e del quinto episodio, ha commentato questa rivelazione, alludendo al fatto che in futuro verranno fornite altre informazioni sulle vere origini dei poteri della protagonista:

Penso che Djinn sia un termine che viene utilizzato genericamente nell’Asia meridionale e penso che, nel raccontare quella storia, volessimo far capire che chiunque sia diverso, o chiunque abbia dei poteri che, sai, derivano da fonti inspiegabili potrebbero essere scambiato per un Djinn.”

“E in quel momento, quando Waleed le dà il costume, è un momento molto speciale perché sente di far parte di qualcosa di più grande, ma anche che ci sono persone che le guarderanno le spalle perché ne ha bisogno. E letteralmente il momento successivo, le guardano le spalle. Sì.”

La regista ha aggiunto che dal suo punto di vista l’ordine dei Pugnali Rossi potrebbe essere inserito “molto facilmente” nel Marvel Cinematic Universe in futuro:

“Penso che… molti dei membri dei Pugnali Rossi e Kareem abbiano a che fare con il Pakistan e che si inseriscano in quel mondo. Attingono l’uso dei pugnali e costumi dal loro patrimonio storico. Ma direi che i Pugnali Rossi potrebbero essere tirati in ballo nell’MCU molto facilmente [in futuro]. E il loro scopo in questa serie è assicurarsi che [Kamala] sia protetta. E per la prima volta nella serie, sa che ci sono altre persone che hanno un potere maggiore e cercano di proteggerla.”