I motivi di questa perdita non sono ancora stati menzionati dalla software house, ma la situazione emersa nella riunione con gli azionisti è preoccupante.

Dai primi report sulle vendite di Marvel’s Avengers sembrava che il gioco andasse molto bene sul mercato, con 2 milioni di copie vendute in formato digitale ed un primo posto nel mercato degli Stati Uniti che lasciavano ben sperare.

Da quel momento però – complici tanti bug ed una componente endgame ripetitiva e poco gratificante – i numeri non sono cresciuti più di molto e a quanto pare sono ben al di sotto delle aspettative di Square Enix.

Nell’ultima riunione con gli azionisti, nel trimestre fiscale da luglio a settembre, è emersa una perdita di almeno 48 milioni di dollari. Gli analisti attribuiscono gran parte della colpa alle performance del gioco e secondo l’analista David Gibson il volume delle vendite del gioco si è assestato al 60% delle copie attese da Square Enix. Gibson stima un totale di 3 milioni di unità vendute a fronte di un costo per lo sviluppo di 100 milioni di dollari, che sale poi a 170-190 milioni se consideriamo anche il marketing.

La Beta aveva portato grande ottimismo, ma dopo il lancio le cose sono andate diversamente e diversi problemi  tecnici hanno allontanato i giocatori già presenti. Crystal Dynamics adesso sta cercando di ribaltare la situazione e ha deciso di posticipare il DLC gratis di Kate Bishop e l’update per PS5 e Xbox Series X, lasciando interdetti i giocatori.