Le nuove foto dal set dello spin-off su Madame Web suggeriscono dei collegamenti con i film di Spider-Man di Sam Raimi?

Nel 2019, poco dopo la fine dell’accordo con i Marvel Studios/Disney per la co-gestione di Spider-Man, Sony Pictures decise di iniziare lo sviluppo di uno spin-off dedicato interamente a Madame Web, ingaggiando Matt Sazama e Burk Sharpless (i due sceneggiatori di Morbius) per lavorare allo script e S.J. Clarkson (Jessica Jones) alla regia del film. Dopo molti mesi di silenzio, è stato confermato che Dakota Johnson, star del franchise di 50 Sfumature di Grigio, interpreterà la protagonista.

Nelle prime foto dal set uscite a luglio, è stata anticipata la collocazione temporale della pellicola: Kevin Slane di The Boston Globe ha pubblicato online le prime foto dal set e, oltre ad aver confermato che le comparse utilizzavano dei Palm Pilot – dispositivi di seconda generazione lanciati il ​​10 marzo 1997 utilizzati per prendere appunti e archiviare dati che hanno influenzato pesantemente i moderni smartphone e tablet – e che in molti angoli della città di New York sono stati ricreati dei chioschi e delle cabine telefoniche, la descrizione delle immagini ha rivelato la presenza di un cartellone pubblicitario del primo album di Beyoncé, Dangerously in Love, pubblicato il 20 giugno 2003.

Questi dettagli indicano che almeno una parte del film con Dakota Johnson sarà ambientato nei primi anni 2000, ossia lo stesso periodo di tempo in cui uscirono i primi due film di Spider-Man con protagonista Tobey Maguire. Ciò ha spinto molti fan a ipotizzare che il cinecomic potrebbe essere collegato in qualche modo alla trilogia di Sam Raimi vista la componente del Multiverso.

Ora tramite delle nuove foto dal set è arrivato l’ennesimo indizio sulla collocazione temporale del film: in uno scatto possiamo infatti vedere diverse copie di giornali e sulla prima pagina del Daily News si legge di una persona coraggiosa che ha salvato una bambina dalle fiamme.

Secondo molti fan, potrebbe trattarsi di un collegamento alle azioni del Peter Parker di Tobey Maguire in Spider-Man 2, dove nonostante l’assenza dei suoi poteri decide di tuffarsi tra le fiamme per salvare una bambina da un edificio che stava andando a fuoco. Come ulteriore indizio, è presente anche una copia del Daily Bugle con lo stesso identico logo dei film di Raimi.

La domanda è una: il film è ambientato effettivamente nello stesso universo di Sam Raimi, oppure semplicemente Sony sta inserendo dei dettagli per stuzzicare i fan che poi non avranno un vero ruolo nella trama, come ad esempio il poster dell’Uomo Ragno presente nel trailer di Morbius ed assente dal montaggio finale? Lo scopriremo il prossimo anno.