Gugu Mbatha-Raw ha stuzzicato sulle origini del Giudice Renslayer e sul futuro del personaggio dopo gli eventi di Loki.

Questo mercoledì arriverà sulla piattaforma di streaming Disney+ il primo episodio di Loki, la nuova serie dei Marvel Studios incentrata sul Dio degli Inganni interpretato da Tom Hiddleston. Lo show vedrà la versione alternativa del fratellastro di Thor, fuggito con il Tesseract nel 2012 durante Avengers: Endgame, collaborare con l’organizzazione temporale Time Variance Authority per preservare il corretto flusso del tempo.

Nel corso di una conferenza stampa virtuale in vista dell’imminente rilascio di Loki su Disney+, a Gugu Mbatha-Raw, star dell’episodio San Junipero di Black Mirror, è stato chiesto se abbia fatto delle ricerche sul personaggio di Ravonna Renslayer e sulla sua storia nei fumetti Marvel per approcciarsi al ruolo. Pur non entrando nello specifico, l’attrice ha lasciato intendere che la serie racconterà le origini di Ravonna Renslayer e getterà le basi sul suo futuro nell’Universo Cinematografico Marvel:

“Beh, fortunatamente o sfortunatamente per me, Kate [Herron] mi ha spiegato che la serie è più di una storia di origini per Ravonna Renslayer, anticipando alcune delle cose che succedono nei fumetti. Tutte quella roba è lì ma c’è anche l’opportunità per sentirmi come se stessi iniziando qualcosa di nuovo con la TVA che non è mai stato visto prima dai fan sullo schermo… C’è così tanto potenziale per lei anche in futuro.”

Ricordiamo che Loki, scritta da Michael Waldron (Rick & Morty, Doctor Strange In The Multiverse of Madness) e diretta da Kate Herron (Sex Education), vede nel cast Tom Hiddleston (Loki Laufeyson), Owen Wilson (Mobius M. Mobius), Gugu Mbatha-Raw (Giudice Renslayer), Wunmi Mosaku (Hunter B-15), Sophia Di Martino, Sasha Lane, Erika Coleman e Richard E. Grant.

Loki

SINOSSI
Loki, in arrivo su Disney+ il 9 giugno 2021, vede per protagonista il Dio degli Inganni mentre esce dall’ombra di suo fratello in una nuova serie che si svolge dopo gli eventi di Avengers: Endgame.

Fonte