I registi di Avengers: Infinity War danno la conferma definitiva: il Dio dell’Inganno non c’è più.

La morte di Loki è stato senza ombra di dubbio uno degli avvenimenti più tristi e di impatto avvenuti durante Avengers: Infinity War, ma vista la storia precedente costituita da morte e rinascita del Dio dell’Inganno, molti fan sono stati celeri ad ipotizzare un’ennesimo colpo di scena in cui avremo scoperto la verità su Loki, avremo scoperto che in realtà era vivo ed è sempre stato sotto i nostri occhi con le sembianze di Bruce Banner.

Una teoria quanto mai disperata, che si appellava poco alla logica e molto alla volontà di attaccarsi ad uno dei personaggi più amati del Marvel Cinematic Universe dai tempi del primo Thor, una teoria che in conclusione è stata bocciata dagli stessi registi del film, i fratelli Russo, che ad uno screening speciale di Avengser: Infinity War, hanno risposto con la seguente dichiarazione:

Loki è morto.

In seguito i due registi hanno spiegato come mai avevano deciso di aprire la pellicola proprio con quella scena:

Dovevamo fare qualcosa che avrebbe destabilizzato il pubblico. Thanos era già in estremo vantaggio, chiunque era già stato sconfitto, molte persone erano morte. Sentivamo che iniziare il film con un evento shockante avrebbe definito il personaggio di Thanos per il resto della pellicola. Si tratta della sua grande entrata in scena in quanto personaggio, è già a metà della sua opera e noi stiamo assistendo al suo comportamento.

Queste dichiarazione mettono sicuramente fine a qualsivoglia diatriba, ormai è chiaro che Loki sia morto, ma ciò non significa che non lo vedremo mai più. Come sappiamo è infatti in fase di sviluppo una serie dedicata al Dio dell’Inganno che vedrà la luce sulla futura piattaforma di streaming on demand Disney +, quindi sentiremo ancora parlare del Loki di Tom Hiddleston, in un modo o nell’altro.