Recentemente si è tenuto il Wonder Con, in cui uno dei produttori di Logan ha spiegato di aver incluso nel film un dettaglio emozionante e triste sul passato di Charles Xavier.

Durante la ricerca di location per il film in New Mexico, la produzione si è imbattuta in un capannone abbandonato:

Quando siamo entrati, era pieno di piccoli fori da cui entrava la luce, che ci hanno ricordato un’immagine in particolare

Da qui è nato un parallelismo molto interessante con i precedenti film sugli X-Men:

Man mano che lavoravamo al design della vecchia cisterna in cui è Charles, assomigliava sempre di più ad una strana versione di Cerebro dei precedenti film sugli X-Men

Ho pensato a questa interessante metafora poetica. C’è questo effetto con le luci [che entrano dai piccoli fori] che imita quello che avviene all’interno di Cerebro.

Quindi negli ultimi giorni della sua vita, Charles Xavier è circondato da luci. Le stesse che vedeva dentro Cerebro. Vive costantemente con il ricordo dei suoi poteri.

Fonte