La produttrice Rebecca Green (It Follows) pensa che i film indipendenti stiano “lentamente morendo” a causa della Marvel e di Netflix.

Negli ultimi quattordici anni il Marvel Cinematic Universe ha dimostrato di essere uno dei franchise più redditizi della storia di Hollywood, portando in sala non solo gli appassionati e i lettori di fumetti ma anche molti spettatori occasionali che non si sono mai approcciati ai film supereroistici. Nonostante il successo commerciale di questi progetti sia stato messo a dura prova con la pandemia, i film Marvel usciti nel 2021 hanno rappresentato il 30% del box-office domestico complessivo totalizzato negli Stati Uniti nel corso dell’anno e hanno reclamato la quota di mercato più alta rispetto agli altri studios e franchise cinematografici.

Recentemente Rebecca Green, produttrice di film indipendenti nota per aver prodotto il film horror It Follows (2014) di David Robert Mitchell, ha espresso sul suo profilo Twitter le difficoltà di realizzare un film indie nell’era dello streaming e dei cinecomics, dando la colpa ai film Marvel e ai prodotti distribuiti da Netflix:

Sto producendo un film da 2 milioni di dollari e da quando siamo arrivati in location per la preparazione, ogni attore legato al progetto ha abbandonato a causa della Marvel, di Netflix o delle opportunità televisive, e tutto ciò sta bloccando il nostro flusso finanziario. Nel caso vi steste chiedendo cosa significhi realizzare un film indipendente nel 2022.”

Dopo il suo tweet (che ha ottenuto 1500 condivisioni e 20000 like), Insider ha contattato Green per parlare dello stato attuale del cinema indipendente e dei film d’essai che, secondo la produttrice, “stanno lentamente morendo“:

“La difficoltà di distribuire un film indipendente era un problema anche prima della pandemia ma ora si è senz’altro aggravato.”

“Il cinema Landmark di Detroit, dove vivo e dove vedevo i film indipendenti, ha chiuso l’anno scorso. Dobbiamo riconoscere che i cinema hanno bisogno di fare soldi per restare aperti.”

“Abbiamo bisogno di finanziatori per stare al gioco, ma alcuni hanno le aspettative troppo alte. I finanziatori migliori sono quelli che saranno flessibili con i budget per permettere al film di essere realizzato, ma alcuni non hanno quella flessibilità. Credo che le persone vogliano vedere questi film. Solo che non ne sanno niente.”

La produttrice ha proseguito il suo discorso spiegando che Netflix produce talmente tanti contenuti all’anno che è difficile coinvolgere gli attori Hollywoodiani nei film indipendenti per via dei loro impegni contrattuali. Inoltre, i film sui supereroi – in particolare i film Marvel – hanno reso sempre più complicato la loro partecipazione a causa della loro folta agenda che prevede molteplici apparizioni nei futuri progetti. A tal proposito, Green ha dichiarato che “chiunque faccia un film Marvel potrebbe farli per anni” impedendo agli attori di essere coinvolti nei film indie.

Ricordiamo che Eternals, scritto da Ryan e Kaz Firpo e diretto da Chloé Zhao, vede nel cast Richard Madden come l’onnipotente Ikaris, Gemma Chan come l’amante dell’umanità Sersi, Kumail Nanjiani come l’essere dai poteri cosmici Kingo, Lauren Ridloff come la super-veloce Makkari, Brian Tyree Henry come l’intelligente inventore Phastos, Salma Hayek come la saggia guida spirituale Ajak, Lia McHugh come l’eterna giovane Sprite, Don Lee come il potente Gilgamesh, Barry Keoghan come il riservato Druig, Angelina Jolie come la feroce guerriera Thena e Kit Harington come Dane Whitman.

Marvel

SINOSSI
Il nuovo film dei Marvel Studios, Eternals, presenta un nuovo team di supereroi nell’Universo Cinematografico Marvel, antichi alieni che hanno vissuto in segreto sulla Terra per migliaia di anni. In seguito agli eventi di Avengers: Endgame, una tragedia inaspettata li costringerà ad uscire allo scoperto per riunirsi contro i nemici più antichi dell’umanità, i Devianti.

Fonte