Kumail Nanjiani (Eternals) spiega perché Hollywood non ingaggia attori non bianchi in ruoli da villain

Kumail Nanjiani (Eternals) ha svelato perché i dirigenti di Hollywood preferiscono non ingaggiare attori non bianchi in ruoli da villain.

Negli ultimi anni, come sappiamo, il Marvel Cinematic Universe ha puntato maggiormente sulla rappresentazione della diversità sullo schermo e sull’inclusione dei gruppi di minoranza rispetto alle precedenti produzioni dei Marvel Studios, contribuendo a dare visibilità alle persone che sono state escluse per troppo tempo dalle produzioni di Hollywood e a cambiare l’industria cinematografica più ampia. Nonostante ciò, persino la direzione più inclusiva del settore dell’intrattenimento presenta alcuni elementi di criticità non indifferenti.

Nel corso di un’intervista con il magazine Esquire, Kumail Nanjiani, interprete di Kingo in Eternals (2021) di Chloé Zhao, ha svelato che gli sforzi di Hollywood di promuovere la diversità hanno spinto molti studios a non assumere più persone di colore in ruoli da antagonista nei propri film per il timore di come potrebbero essere percepiti dal pubblico:

Penso che ora Hollywood – anche se stanno cercando di essere più inclusivi – sia ancora un posto bizzarro. E penso che [non ingaggiare attori non bianchi per queste parti] sia limitante come qualsiasi altra cosa. Voglio interpretare altri personaggi cattivi.”

Nanjiani, tuttavia, desiderebbe interpretare più personaggi cattivi proprio come il suo collega Sebastian Stan, che oltre a prestare il volto a Bucky Barnes alias Soldato d’Inverno nel franchise dei Marvel Studios è stato scelto per interpretare uno psicopatico cannibale in Fresh:

“[Sebastian Stan] partecipa a questi grandi film Marvel, e poi è libero di interpretare uno psicopatico. Mi è stato detto che sarà difficile nel mio caso perché [i dirigenti di Hollywood] non vogliono ingaggiare persone non bianche in ruoli da villain.”

Questo fenomeno, in ogni caso, non sembra aver influenzato i Marvel Studios considerando che nel Marvel Cinematic Universe abbiamo già visto (e vedremo ancora) antagonisti interpretati da attori appartenenti a gruppi di minoranza: Michael B. Jordan in Black Panther (2018), Hannah John-Kamen in Ant-Man and The Wasp (2018), Tenoch Huerta in Black Panther: Wakanda Forever (2022), Jonathan Majors in Ant-Man and The Wasp: Quantumania, Chukwudi Iwuji in Guardiani della Galassia Vol.3 e Zawe Ashton in The Marvels sono solo alcuni esempi.