Ant-Man sta per uscire nelle sale e per questa occasione Kevin Feige si è lasciato intervistare dal The Hollywood kevin-feige-safe1Reporter, lasciandosi così sfugire qualch dettaglio importante sulle future pellicole Black Panther, Captain Marvel e sul nuovo Spider-Man (per cui è stato appena scelto Tom Holland).

“La Fase 1 della Marvel è terminata con i Vendicatori, quindi molte persone hanno pensato che anche la Fase 2 si sarebbe conclusa con un film sugli Avengers, ma la verità è che c’è cosi tanto in Ant-Man: introduciamo un nuovo eroe, una parte molto importante della tecnologia del MCU, le particelle di Pym. Ant-Man sta entrando nel radar dei Vendicatori in questo film, e inoltre c’è l’intera nozione del regno quantico, e di poter andare in posti che sono così lontani là fuori… sono concetti difficili da capire. Accadrà tutto nella Fase 3. Diventerà chiaro che Ant-Man è l’apice e il finale della Fase 2, e che Captain America: Civil War è l’inizio della Fase 3”.

Così prosegue a parlare di Spider-Man:

Be’, lo produciamo per la Sony: è eccitante, e lo stiamo gestendo come gestiamo tutti i nostri film. Cercando di farne la migliore versione odierna di Spider-Man e una versione che abiti questo universo che abbiamo creato».

In merito alla possibilità che qualche personaggio del MCU incontri l’Arrampicamuri in una delle sue pellicole, è concreta:

“Dettagli della storia a parte, l’accordo che è stato fatto tra Marvel e Sony prevede che si possa fare”.

Su quando scopriremo chi dirigerà Black Panther e Captain Marvel:

“Credo entro la fine dell’estate; abbiamo quasi tutto. Soprattutto rispetto a Black Panther. Ci siamo incontrati con Ava DuVernay, e con molte persone per molti film”.

Anche Paul Rudd sta girando Captain America: Civil War, da circa due settimane e senza svelare da che parte è Ant-Man, afferma:

“Era come se avessi 10 anni… C’erano Capitan America e Iron Man, e giravo delle scene con loro, chiamandoli con i loro nomi. Quella sensazione di eccitazione, la sua natura surreale, è la cosa migliore. Mi sono sentito davvero per la prima volta parte dell’Universo Marvel”.

Per quanto riguarda, invece, il recente progetto di lasciar guidare un cinecomic ad una donna Feige ha dichiarato:

“Penso che accadrà presto, senza rivelare troppo. Semplicemente è la natura di questa industria, o la natura della cultura, ma sta avvenendo un grande cambiamento. Quello che è entusiasmante della Marvel, se si guarda al passato e al materiale alla base del suo progetto: è stato diverso in un modo all’avanguardia fin dagli anni Sessanta, e penso che siamo riusciti a rappresentare questa caratteristica senza sforzo e in modo accurato nei film che abbiamo realizzato fino a questo punto, ma sicuramente con Black Panther e Captain Marvel si farà in modo più evidente e propositivo”.

Siamo sempre più emozionati per questo grande progetto Marvel, sopratutto che ora è anche entrato Spidey a farne parte,  ma per renderlo “completo” mancherebbero comunque gli X-Men, parte fondamentale e pilastro dell’ Universo a fumetti della Casa delle Idee.