Josh Brolin spiega il vero motivo per cui ha firmato con i Marvel Studios per il ruolo di Thanos nell’Universo Cinematografico Marvel.

Nel corso di una lunga intervista, Josh Brolin si è soffermato sul ruolo di Thanos, il grande villain della Saga dell’Infinito dell’Universo Cinematografico Marvel che ha interpretato in Avengers: Infinity War, Avengers: Endgame e in due brevi cameo in Guardiani della Galassia e Avengers: Age of Ultron.

L’attore inizialmente si è soffermato sulle sue ispirazioni, spiegando:

Quando parlavo con i registi, ho menzionato Marlon Brando di Apocalypse Now, quel tizio che sembra molto elusivo e folle, ma quello che dice ha senso e risulta quasi poetico. Ho iniziato a vedere questo parallelismo e mi è piaciuto. Ho adorato ricollegarmi ad Apocalypse Now per fare qualcosa come Avengers.

Più guardavo Thanos, più capivo che era un personaggio reale. Non è solo un tizio viola, era un vero personaggio profondo, stratificato e con sentimenti. Quindi è diventato divertente per me. Ho dovuto ricorrere tantissimo alla mia immaginazione.

Successivamente Brolin ha spiegato il vero motivo per cui ha accettato il ruolo di Thanos:

Ho rifiutato diverse di proposte del genere, e la gente mi diceva: “Ma come, sono un sacco di soldi!”. Quando ho accettato il ruolo di Thanos all’inizio era una piccola cosa, principalmente un cameo per il quale non mi avevano certo offerto una valanga di soldi. Ma non era quella la ragione.

Quando sono venuti da me, mi hanno dato una enorme Bibbia di fumetti dedicati a Thanos. Erano tantissimi. Se avessi dovuto interpretare uno degli Avengers, probabilmente avrei rifiutato – so che non dovrei dirlo, ma lo dico comunque. Ma qui era questo tizio contro tutti gli Avengers. E ho adorato questo aspetto.

Paragonando la sua esperienza con quella di Deadpool 2, dove ha interpretato Cable, l’attore ha aggiunto:

Deadpool è stato difficile. Anche se molto divertente, è stato più complicato. E’ stata più una transizione d’affari, tipo “vogliamo che questo tizio sia esattamente così”, cosa che invece non è successa con Avengers, dove i registi menzionavano diverse ispirazioni come Scarface o Quel pomeriggio di un giorno da cani.

Fonte