James Gunn propose ai Marvel Studios un film su Hit-Monkey prima di accettare la regia di Guardiani della Galassia.

Nel volume The Story of Marvel Studios: The Making of the Marvel Cinematic Universe – un libro da collezione di 512 pagine contenente foto, interviste e dietro le quinte esclusivi sulla creazione dell’Universo Cinematografico Marvel che abbiamo comprato e che stiamo analizzando pagina per pagina – sono stati svelati dei retroscena inediti sulla lavorazione dei vari film dei Marvel Studios e della Saga dell’Infinito.

Nella sezione del volume dedicata al 2012 è stato rivelato che James Gunn, regista di Guardiani della Galassia (2014) e di Guardiani della Galassia Vol.2 (2017), propose ai Marvel Studios un film su Hit-Monkey (protagonista di una serie animata per adulti in arrivo a gennaio su Disney+) durante l’incontro preliminare con il produttore Jeremy Latcham e il Vicepresidente di Produzione e Sviluppo della compagnia Jonathan Schwarz:

“‘Aveva lavorato a cose davvero bizzarre e interessanti. Chiaramente James non si preoccupava di prendersi grossi rischi’ aggiunge [Jeremy] Latcham, che senza indugio invitò Gunn agli uffici dei Marvel Studios per un incontro generale. Prima di scoprire il motivo per il quale era stato invitato, Gunn manifestò il suo interesse nel realizzare un film su Hit-Monkey (la scimmia assassina creata da Daniel Way e Dalibor Talajic nel 2010). ‘E rispondemmo ‘Beh, vorremmo parlarti dei Guardiani della Galassia…‘ spiega Latcham.”

Contrariamente all’opinione diffusa online, all’inizio Gunn non era affatto interessato ai Guardiani della Galassia (soprattutto per via di Rocket Raccoon) e rischiò di non dirigere il progetto se non avesse avuto dei ripensamenti mentre era bloccato nel traffico di Los Angeles:

“Latcham e Schwartz avevano più di trenta versioni di questo soggetto alle spalle, ma il risultato era lo stesso. ‘Ero estremamente titubante.’ confessa Gunn. ‘Non pensavo che fosse una buona idea.’ Gunn era particolarmente titubante su Rocket [Raccoon]. ‘Mi sembrava una specie di Bugs Bunny in mezzo agli Avengers. Non ero attratto da tutto ciò. Avevo intenzione di lasciar perdere.’ Non interessato ai Guardiani, Gunn entrò nella sua auto, lasciata negli uffici dei Marvel Studios a Manhattan Beach, e ripartì verso nord sulla 405 Freeway per Studio City. Los Angeles è una città tentacolare rinomata per il suo traffico, ed è una cosa che spesso dà ai creativi il tempo necessario per pensare a idee e progetti. […] ‘Mentre ero bloccato nel traffico, improvvisamente iniziai a pensare ‘Se in questo film c’è un procione parlante, come fa a parlare?’. Si trattava di prendere un’idea e di scoprire che c’era una storia molto triste e tragica al centro dei Guardiani della Galassia.”

Ricordiamo che Hit-Monkey, scritta e creata da Josh Gordon e Will Speck, vede nel cast Fred Tatasciore (Hit-Monkey), Jason Sudeikis (Bryce), George Takei (Shinji), Olivia Munn (Akiko), Ally Maki (Haruka) e Nobi Nakanishi (Ito). La serie animata, composta da 10 episodi, è co-prodotta da Keith Foglesong, Matt Thompson e Neal Holman e prodotta da Duffy Boudreau, Mollie Brock, Marcus Rosentrater. In Italia Hit-Monkey sarà distribuita su Disney+ tramite Star.

James Gunn Hit-Monkey Marvel Studios

SINOSSI
Marvel’s Hit-Monkey racconta la storia di una scimmia delle nevi giapponese a cui è stato fatto del male, guidata dal fantasma di un assassino americano, che si fa strada attraverso il mondo sotterraneo di Tokyo in una storia di vendetta brutalmente divertente. La serie è prodotta da Jeph Loeb e scritta da Josh Gordon e Will Speck.