Iron Man: svelato il ridicolo motivo per cui la New Line Cinema rinunciò ai diritti del personaggio negli anni ‘2000.

Il primo film su Iron Man diretto da Jon Favreau nel 2008 ha inaugurato l’intero Marvel Cinematic Universe, uno dei progetti cinematografici e crossmediali più ambiziosi della storia del cinema. Non tutti sanno, tuttavia, che inizialmente era la New Line Cinema, lo studio dietro alla trilogia di Blade con Wesley Snipes, a detenere i diritti del personaggio. Nonostante le varie stesure della sceneggiatura consegnate alla compagnia e i registi incontrati per il progetto, alla fine i diritti tornarono ai Marvel Studios, che decisero di ripartire da zero con un nuovo script e una nuova storia.

In un recente articolo pubblicato dall’Hollywood Reporter riguardante la gestione di Warner Bros. Discovery del brand DC è stato svelato un curioso retroscena sulla mancata realizzazione del film sul Vendicatore Dorato della New Line. Stando alle fonti del THR, infatti, pare che il fondatore dello studio, Bob Shaye, fece scadere volontariamente i diritti di Iron Man perché pensava che non avesse senso sviluppare un film su un personaggio che indossa un’armatura troppo pesante da permettergli di volare, aspetto che a suo avviso sarebbe apparso stupido agli occhi del pubblico:

“De Luca era un collezionista di fumetti da ragazzo e, anni fa, alla New Line, ha prodotto Blade [con Wesley Snipes] e aveva anche un film di Iron Man in fase di sviluppo. Una fonte afferma che Bob Shaye, ai tempi a capo della New Line, lasciò scadere l’opzione, sostenendo che non avesse senso perché Iron Man era troppo pesante per volare.”

Iron Man New Line Cinema

Ricordiamo che Iron Man (2008), scritto da Mark Fergus, Hawk Ostby, Art Marcum e Matt Holloway e diretto da Jon Favreau, vede nel cast Robert Downey Jr. (Tony Stark/Iron Man), Jeff Bridges (Obadiah Stane/Iron Monger), Gwyneth Paltrow (Virginia “Pepper” Potts), Terrence Howard (Colonnello James Rhodes), Faran Tahir (Raza), Clark Gregg (Phil Coulson), Leslie Bibb (Christine Everhart) e Shaun Toub (Ho Yinsen).

Questa la sinossi ufficiale:
Tony Stark è un inventore geniale e miliardario col vizio delle donne (tante) e delle attività filantropiche. Ereditato patrimonio e ingegno dal padre scomparso in un incidente d’auto, Tony (per amici e amichette) conduce e amministra le Industrie Stark, produttrici e prime fornitrici di armi per il governo americano. Durante un test in medioriente, per verificare l’efficienza di un’arma sperimentale, viene catturato da un gruppo di estremisti. Ferito al cuore da una scheggia è soccorso e curato da Yinsen, un fisico esperto di cibernetica che gli applica un organo artificiale. Obbligato dai guerriglieri a costruire un’arma invincibile per la loro causa, Tony progetta in segreto un’armatura per fuggire alla prigionia. Rientrato negli Stati Uniti è deciso a cambiare vita, a riparare alle ingiustizie e a ‘industriarsi’ a favore dei più deboli.