Il libro da collezione The Wakanda Files ha svelato per quale motivo Tony Stark ha deciso di costruire la Iron Legion in Iron Man 3.

Questo mese è stato pubblicato in America il volume da collezione The Wakanda Files: A Technological Exploration of the Avengers and Beyond, un libro canonico con l’Universo Cinematografico Marvel contenente una serie di documenti, articoli, progetti e note accumulati da Shuri (Letitia Wright). Dopo aver dato uno sguardo all’infografica sulla Iron Spider, un estratto del libro ha svelato per quale motivo Tony Stark ha deciso di costruire la Iron Legion.

In seguito alla Battaglia di New York e alla devastazione causata dai Chitauri in The Avengers, come sappiamo, il genio, miliardario, playboy, filantropo interpretato da Robert Downey Jr. ha iniziato a manifestare i sintomi della sindrome da stress post-traumatico. Nonostante per molto tempo i fan del MCU abbiano creduto che Tony avesse costruito la cosiddetta Iron Legion come meccanismo di difesa per proteggere Pepper Potts e i suoi cari, pare che la motivazione dietro alla creazione delle armature sia di altra natura.

Iron Man 3 Tony Stark Iron Legion

Stando a quanto spiegato nel “diario personale” dell’Avenger Dorato presente nel The Wakanda Files, infatti, Tony Stark avrebbe costruito le 35 armature della prima formazione della Iron Legion – distrutta nella battaglia finale di Iron Man 3 – per comunicare in modo efficace con i civili, per metterli in sicurezza ed evitare eventuali forme di disinformazione durante potenziali incidenti o combattimenti tra super-umani:

“New York è un mezzo disastro dopo l’invasione dei Chitauri. Anche se i newyorkesi sono abituati agli eventi bizzarri, ci sono un sacco di persone che si grattano la testa. E gli Avengers possono dare un piccolo aiuto per le relazioni pubbliche. Non mi riferisco ad un pubblicista, siamo già inondati dalla stampa. Sto parlando di unità sul campo che assistano alla creazione di un perimetro durante incidenti o scontri, informando o proteggendo i civili nel corso dei combattimenti. Così eviteremo potenziali danni collaterali. E saremo in grado di comunicare efficacemente con la popolazione affinché non ci siano forme di disinformazione. La conoscenza è potere, giusto? Lo chiamerei controllo delle masse, ma è più un’informazione del pubblico.”

“E che male farebbe avere delle mani in più durante la battaglia se e quando sarà necessario? Attiviamo ed assegniamo la Iron Legion alla causa degli Avengers. Probabilmente l’automazione potrebbe originare una buona dozzina di unità in una o due settimane. E J.A.R.V.I.S., tu sei più che capace di controllare da remoto alcune unità individualmente se necessario.”

Di seguito trovate le “frasi pre-registrate per un’adeguata comunicazione con il pubblico” della Iron Legion approvate dal Consiglio di Sicurezza Mondiale:

• “Per favore restate in attesa e rimanete calmi. C’è stato un incidente. Assistenza è in arrivo.

• “Siamo qui per aiutare. Questo quadrante non è sicuro. Per favore allontanatevi. Vorremmo evitare danni collaterali e vi informeremo quando il conflitto sarà risolto.

• “Per la vostra sicurezza, per favore restate a casa finché non sarà dato il via libera. Non c’è nessun pericolo immediato. Per favore tornate nelle vostre case.

• “Per la vostra sicurezza, per favore restate a casa con tutte le porte e le finestre saldamente chiuse. Il contaminante nell’aria non presenta pericoli biologici.

• “Restate seduti per favore.

Il cast di Iron Man 3 di Shane Black include Robert Downey Jr. (Tony Stark/Iron Man), Gwyneth Paltrow (Pepper Potts), Don Cheadle (James “Rhodey” Rhodes / Iron Patriot), Guy Pearce (Aldrich Killian), Rebecca Hall (Maya Hansen), Ty Simpkins (Harley Keener), Jon Favreau (Happy Hogan), Ben Kingsley (Trevor Slattery) e James Badge Dale (Eric Savin).

Iron Man 3 Tony Stark Iron Legion

SINOSSI
Dopo aver salvato New York dalla distruzione in The Avengers ed essere rimasto da allora insonne e preoccupato, Tony Stark (Robert Downey Jr.) rimane senza armatura e deve lottare contro le sue paure interiori per sconfiggere il suo nuovo nemico, il Mandarino.

Fonte