Il regista di Black Panther è stato arrestato per errore, la polizia pensava che stesse per rapinare la Banca d’America.

In occasione del Disney Investor Day il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha fornito qualche dettaglio sullo sviluppo del sequel di Black Panther (2018), confermando ufficialmente che T’Challa non sarà interpretato da un nuovo attore per rispetto nei confronti del compianto Chadwick Boseman e che la pellicola – intitolata Black Panther: Wakanda Forever – esplorerà il mondo e i personaggi del Wakanda introdotti nel primo film.

Lo scorso agosto le riprese del cinecomic sono state interrotte per permettere a Letitia Wright, interprete di Shuri, di riprendersi completamente dall’infortunio avvenuto qualche mese fa che, a quanto pare, era più grave del previsto. Dopo l’incidente, Wright si è spostata a Londra, dove ha seguito una lunga fisioterapia mentre la produzione è continuata senza di lei. Il regista Ryan Coogler, secondo i report, ha girato tutto il materiale possibile che non coinvolgesse il personaggio ma, a causa della difficoltà di andare avanti senza che l’attrice fosse presente fisicamente sul set, i Marvel Studios hanno deciso di organizzare un nuovo piano di riprese, che sarebbero dovute ripartire a metà gennaio. A metà gennaio, tuttavia, la produzione del film è stata nuovamente rinviata a causa della diffusione della Variante Omicron del COVID-19 e alcuni membri del cast e della crew – tra cui Lupita Nyong’o (Nakia) – sono risultati positivi al coronavirus.

In attesa di nuovi aggiornamenti sullo stato delle riprese – che secondo recenti indiscrezioni si sposterà presto in Porto Rico – Ryan Coogler ha confermato a Variety di essere stato arrestato dalla polizia di Atlanta lo scorso gennaio dopo essere stato scambiato erroneamente per un rapinatore dalla Banca d’America.

Stando a quanto spiegato da TMZ, che ha riportato per primo la notizia basandosi su un rapporto di polizia, Coogler sarebbe stato arrestato dopo essersi recato presso la Banca d’America per una transazione. Il filmmaker – che in quel momento indossava un cappello, occhiali da sole e una mascherina protettiva – si sarebbe avvicinato al bancone e avrebbe consegnato alla cassiera – descritta come una donna nera incinta – una ricevuta di prelievo con una nota scritta sul retro, ossia “Vorrei prelevare 12mila dollari dal mio conto corrente. Si prega di fare il conteggio dei soldi da qualche altra parte. Vorrei essere discreto.

Ryan Coogler Black Panther

L’impiegata, tuttavia, ha mal interpretato la situazione pensando che si trattasse di una tentata rapina quando l’importo dell’operazione ha fatto scattare un allarme sul sistema bancario e, di conseguenza, ha avvisato il proprio capo e chiamato prontamente la polizia. Una volta arrivate sul posto, le autorità hanno arrestato due persone in un SUV che stavano aspettando Coogler fuori dalla banca e ammanettato il regista.

Un portavoce della Banca d’America ha dichiarato a Variety: “Siamo profondamente dispiaciuti che si sia verificato questo incidente. Non sarebbe mai dovuto succedere e ci siamo scusati con Mr. Coogler.” mentre Ryan Coogler ha spiegato “Questa situazione non sarebbe mai dovuta accadere. Tuttavia, la Banca d’America ha lavorato con me, si è indirizzata alla mia soddisfazione e siamo andati avanti.

Ricordiamo che Black Panther: Wakanda Forever, scritto e diretto da Ryan Coogler (Creed), è previsto per l’11 novembre 2022 e vedrà nel cast Letitia Wright (Shuri), Lupita Nyong’o (Nakia), Danai Gurira (Okoye), Winston Duke (M’Baku), Angela Bassett (Ramonda), Florence Kasumba (Ayo), Michaela Coel (Aneka), Martin Freeman (Everett K. Ross), Dominique Thorne (Riri Williams), Tenoch Huerta (Namor) e Mabel Cadena (Namora).

Ryan Coogler Black Panther

SINOSSI
Black Panther: Wakanda Forever dei Marvel Studios continuerà ad esplorare l’ineguagliabile mondo del Wakanda e la ricca e variegata cerchia di personaggi introdotti nel primo film. Scritto e diretto da Ryan Coogler, regista di Black Panther, il film sarà rilasciato l’8 luglio 2022.

Fonte