In occasione del Disney Investor Day il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha fornito qualche dettaglio sullo sviluppo del sequel di Black Panther (2018), confermando ufficialmente che T’Challa non sarà interpretato da un nuovo attore per rispetto nei confronti del compianto Chadwick Boseman e che la pellicola – intitolata Black Panther: Wakanda Forever – esplorerà il mondo e i personaggi del Wakanda introdotti nel primo film.

Durante il Comic-Con di San Diego, è stato presentato ufficialmente il film con un Q&A tra i fan ed i vari membri del cast. In risposta ad un fan, Tenoch Huerta – interprete di Namor nel film – ha parlato dell’importanza dell’inclusività, motivo per il quale ha avuto un ruolo nel film.

A differenza dei fumetti, dove le sue origini non sono mai state esplorate, nel MCU Namor sarà legato all’America centrale ed alla cultura azteca, motivo per cui è stato scelto Huerta (nato in Messico) per interpretarlo.

Ecco la dichiarazione della star:

Sono così felice di essere qui. Vogli dire qualcosa sull’inclusività. Io vengo dal ghetto ed è grazie all’inclusività se sono qui. Non sarei mai qui senza l’inclusività. Tanti bambini sono nei loro quartieri, nei loro ghetti e guardano noi, sognando di trovarsi proprio qui. Vogliono essere qui.